REPORTAGE

Editoriale: Interzoo di Norimberga 2016


2016_05 Interzoo Norimberga 02

E’ appena terminata la 34esima edizione dell’Interzoo di Norimberga 2016. Siamo sull’aereo e ci stiamo riorganizzando le idee, per scrivere il nostro consueto editoriale di approfondimento e critica sull’evento.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Dal nostro editoriale poi si dirameranno nelle prossime settimane tanti articoli di approfondimento, per cui vi consigliamo di inserire questa pagina nei preferiti e di tornare a visitarla spesso nei prossimi giorni, magari dirigendovi direttamente all’ultima pagina dove ci sarà l’elenco di tutti gli articoli collegati a questo.

Il mio primo Interzoo risale oramai al 2006, e da allora non ne ho perso nessuno, continuando a scrivere di questa che considero la più grande e completa fiera relativa alle attrezzature per gli animali di compagnia. Siamo alla sesta edizione, in un arco di tempo di 10 anni, tante cose sono cambiate, ma una è rimasta sempre fissa. Chi conta… viene all’Interzoo! Chi manca… perde!

L’ente fiera ci ha comunicato che i visitatori sono stati ben 39.000 nei 4 giorni della fiera, con un incremento del 5% rispetto alla passata edizione del 2014, di cui potete rileggere l’editoriale seguendo questo link, ma il 2018 sarà un anno molto speciale per la fiera che si sposterà interamente durante la settimana ed avrà luogo da martedì 8 a venerdì 11 maggio 2018.

I compagni di viaggio come al solito sono stati fantastici e quest’anno non sono solo stati amici con cui divertirsi, hanno infatti contribuito alla copertura totale dell’evento ed hanno davvero lavorato tantissimo. Abbiamo raccolto un totale di quasi 100 gb di materiale audio e video, e penso che ci vorrà un po’ di tempo per prepararlo e presentarvelo al meglio. Ma Federico, Simone e Maurizio si sono dati davvero tanto da fare, e nei prossimi giorni vedrete gli articoli di tutti noi!

2016_05 Interzoo Norimberga Magnaromagna02

Da sinistra Simone (Hioct), Maurizio (Zanna Bianca), Danilo (DaniReef) e Federico (HkK.2003) prima di iniziare a lavorare

L’Interzoo non è una fiera normale, non è infatti un evento in cui si va solo per fare presenza, ma spesso la maggior parte delle aziende, soprattutto quelle europee, aspettano questa manifestazione per mostrare i muscoli ed i propri prodotti, spesso ancora in versione demo, per impressionare il mercato e cercare di dominarlo. Le nuove tendenze vengono mostrate qua.

Quest’anno abbiamo però assistito ad un passo indietro degli americani che non hanno portato praticamente nessuna novità di rilievo in mostra, aspettando, molto probabilmente il Macna di San Diego per mostrarle al mondo in casa propria. Nonostante questo c’era davvero molto da fare, da vedere e da conoscere. Il mondo europeo e anche quello asiatico qua ha mostrato il proprio lato migliore.

Ma prima di parlare dei prodotti, analizziamo i trend che abbiamo incrociato fra i corridoi, gli stand ed i padiglioni dedicati alla manifestazione. Abbiamo già detto dei visitatori, 39.000, ma dobbiamo anche citare i 13 padiglioni utilizzati sui 17 totali della fiera di Norimberga, le 1389 aziende espositrici di cui 378 quelle che ruotano attorno al settore dell’acquariofilia.

Questa fiera ha consolidato e dato per scontato la supremazia dei led, come metodo naturale per l’illuminazione degli acquari, siano essi di acqua dolce che di acqua salata, ha consolidato l’utilizzo delle pompe regolabili, non tutte e sole a corrente continua come vedremo, ed ha puntato gli occhi sulla programmazione e sulle app in senso lato, secondo noi il vero e proprio trend del 2016. Ognuno ha cercato di presentare un modo per controllare l’acquario, le pompe, le plafoniere, tramite app, che fossero dedicate o basate sul web, ma tutti o quasi ne hanno presentata una per legare assieme uno o più prodotti. Vediamo sotto ad esempio Aqamai, AquaMedic, Aquatronica, Dennerle, Philips, Rossmont, Seneye, Sicce, Tunze e Zetlight.

Ma oltre a questo abbiamo visto anche un crescente interesse, mai veramente sopito, sulle lampade T5, dove in molti si sono trovati a presentare nuove plafoniere, nuovi tubi, per quello che sembra un ritorno agli albori delle intenzioni degli acquariofili, e pensate che qualcuno ha anche rimesso in catalogo dei riflettori per HQi.

2016_05 Interzoo Norimberga aqamai 104

La sottilissima plafoniera a led Aqamai a confronto con una moneta da 1 euro

Sia la parte marina che quella dolce hanno mostrato i muscoli, con acquari marini splendidi in diversi stand, e l’aquascaping che si è affermata con la nuova frontiera dell’acquario di acqua dolce, e devo dire di essere estremamente contento che molti aquascapers sono in effetti italiani, con tante idee e risultati davvero superlativi. E sono sicuro che i nostri video, girati per la prima volta in 4K, non potranno che farvi rimanere a bocca aperta!

Una cosa stranamente è mancata. Non c’erano Discus, quelli che una volta erano i re incontrastati dei pesci, oggi erano praticamente assenti, e con loro la quasi totalità dei pesci di acqua dolce, come abbiamo detto il mercato sembra evolversi verso l’Aquascaping. Ma abbiamo anche visto un acquario enorme con carpe Koi, un settore forse che ci tocca leggermente ma che, in effetti, fa sempre largo uso di acqua.

2016_05 Interzoo Norimberga Dejong Marinelife coralli e pesci 04

Lo stupendo acquario marino di Dejong Marinelife

La partecipazione dei visitatori ci è sembrata in aumento rispetto all’ultima nostra visita, questa volta corroborata dai dati dell’organizzazione con un +5%, pochi invece gli italiani, soprattutto molte meno facce note del panorama Social Network italiano, soprattutto in ambito marino, mentre qualcosa in più per quello che riguarda l’acqua dolce. Ci ripetiamo, come due anni fa, sono passati i tempi in cui ad ogni stand si incrociava qualcuno che si era conosciuto nei vari forum. Peccato. Chi non ricorda la bellissima cena al Barfusser, Das kleine Brauhaus, celebre ristorante tipico nel centro di Norimberga nel lontano 2008 dove c’erano oltre 60 acquariofili italiani?

Ma veniamo alle novità più interessanti che abbiamo visto in fiera, che sono state davvero tante, forse anche troppe. Anche se personalmente non ho in mente un prodotto così rivoluzionario da indicare che svetti sopra alla pletora di nuovi prodotti. Inoltre come abbiamo detto nell’introduzione noi quattro abbiamo seguito percorsi diversi quindi non abbiamo visto tutti le stesse cose, e saremo quindi stati attratti da oggetti diversi.

2016_05 Interzoo Norimberga anubias 54

Uno splendido esempio di Aquascaping presso lo stand Anubias

Personalmente mi ha affascinato il sistema Kore 5th della Pacific Sun, ovvero una stazione dosatrice a 5 canali che può gestire il cambio dell’acqua in maniera automatica. Può farlo tramite una coppia di pompe, che siano esse dosometriche, ovvero 2 delle 5 presenti, o che siano due pompe centrifughe collegate nella parte posteriore delle dosometriche, il Kore 5th può togliere acqua dall’acquario ed allo stesso tempo reinserirla nuova, con una frequenza elevatissima. Un sistema che mi piacerebbe davvero provare e che consentirebbe di evitare di doversi occupare del cambio. Nei prossimi giorni ne parleremo diffusamente nello specifico, anche per spiegarvi meglio come funzioni.

2016_05 Interzoo Norimberga pacific sun 15

La sump e la parte con il rabbocco del sistema Kore 5th di Pacific Sun

Di pompe ce ne sono state tante, molte davvero interessanti, dalla nuova Tunze Turbelle Stream 3 alla piccola Aqamai, da AquaMedic alle nuove pompe di risalita e di schiumazione a portata variabile di Sicce, fra cui ricordiamo il notevole schiumatoio UltraReef Tyhoon che ne fa uso, fino ad arrivare al Rossmont Waver. Tutte a proprio modo interessanti ed innovative e che meriteranno una trattazione approfondita nei prossimi giorni.

Infine, per quanto mi riguarda, mi è piaciuta l’idea del nuovo sale Triton, Pure 2.0, che si presenta come un sale marino di un estremo livello di purezza, già suddiviso in pratici sacchetti per cambi da 2, 5 e 10 litri, se non ricordiamo male, e con due reagenti liquidi da aggiungere durante la preparazione dell’acqua marina.

 

Infine altri due acquari in Aquascaping degli amici Enrico Fortuna e Roberto Bielli presso lo stand Equo, che ha presentato tutta la nuova gamma di prodotti aggiornati e di cui vi parleremo nei prossimi giorni.

Due anni fa se vi ricordate avevamo perso Brett e Wayde di ATM per un soffio, forse li conoscete meglio per il programma Acquari di Famiglia, questa volta purtroppo loro non c’erano ma abbiamo conosciuto meglio i loro prodotti nel loro stand ed abbiamo appreso che verranno distribuiti da Teco. E  devo dire che sembrano essere davvero prodotti interessanti.

2016_05 Interzoo Norimberga atm 458

Vediamo nelle pagine seguenti anche il pensiero degli altri preziosi collaboratori di DaniReef, ovvero Simone Baglioni, Massimo Morpurgo, Maurizio Zannoni e Federico Turato.


1 commento on Editoriale: Interzoo di Norimberga 2016

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.