ARTICOLI

Checker Hanna HI781 per nitrati a scala bassa – Recensione e video


Il Checker colorimetrico Hanna HI781 è l'ultimo nato nella serie Marine Line.
Il Checker colorimetrico Hanna HI781 è l’ultimo nato nella serie Marine Line

Che la Hanna Instruments avesse recentemente annunciato la messa in commercio del nuovo Checker colorimetrico per nitrati (NO3) in acqua di mare a scala bassa lo avevamo menzionato nel nostro articolo di giugno (qui il link).

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Dalla serata di sabato 14 novembre il Checker HI781 Nitrate LR è ufficialmente entrato a listino nel sito di vendita online dell’azienda padovana. Noi di DaniReef lo abbiamo aspettato con curiosità e, non lo nascondo, con un pizzico di impazienza. Finalmente lo abbiamo fra le mani e vogliamo condividere con voi le nostre impressioni a caldo. Tuttavia, prima di vedere come è andata con il nuovo “ovetto lilla”, spendiamo due parole per presentare questa azienda. 

Una eccellenza tutta Italiana

Forse non tutti i nostri lettori sanno che la Hanna Instruments srl è un’azienda italianissima. Fondata nel 1978 a Limena (piccolo comune sito nell’interland nord di Padova) da Oscar e Anna Nardo, è gestita attualmente dal figlio Martino. L’azienda è cresciuta in ambito internazionale grazie ad un connubio di innovazione e affidabilità, fino a diventare leader mondiale di attrezzature per l’analisi. Da qualche anno a questa parte ha iniziato la commercializzazione dei Checker colorimetrici, spesso conosciuti come “ovetti“, strumenti di misurazione di alcuni parametri dell’acqua che hanno attirato l’interesse dell’intero mondo acquariofilo. 

Fino a qualche anno fa in questo settore gli unici strumenti che permettessero una misurazione precisa anche a scala bassa erano i fotometri per fosfati. Tali apparati tuttavia avevano dei costi ben più elevati e quindi di difficile diffusione, a meno che non si fosse disposti a spendere circa 300 euro per comprare un fotometro semi-professionale.  Ma il vero punto di rottura con la miriade di test presenti sul mercato era la accuratezza nella misurazione, la facilità di utilizzo e soprattutto l’univocità della lettura. Infatti pressoché tutti i normali test si basano sul confronto colorimetrico e hanno il difetto di portare l’utente a una difformità di lettura in base ad alcuni fattori esterni al test stesso.

Uno stesso test può dare risultati diversi se effettuato alla luce del sole, piuttosto che in un ambiente illuminato artificialmente. L’occhio dell’utente infatti può discriminare in modo diverso le varie gradazioni di colore portando a una molteplicità di risultati. Talune differenze possono essere ulteriormente accentuate tra utente e utente, avendo ognuno una personale ed unica sensibilità visiva. 

In tal senso poter disporre di uno strumento a costo contenuto (parliamo di un prezzo fissato in € 55 + IVA sul sito di vendita online di Hanna), con una facilità di lettura indiscussa e univocità di risultati è stato sicuramente uno dei motivi per cui gli ovetti hanno riscosso un buon successo nel nostro hobby.

Il Checker colorimetro Hanna HI781 per nitrati in acqua di mare a scala bassa (Low Range) è quindi l’ultimo arrivato di una lunga lista presente nel catalogo Hanna Marine Line. Mantenendo caratteristiche e pregi dei suoi predecessori l’HI781 va a colmare una vecchia lacuna, quella della misurazione dei nitrati sotto forma di NO3.  

Iniziamo quindi a vederlo nel dettaglio.

La confezione del Checker HI781, con la classica valigetta di plastica nera rigida
La confezione del Checker HI781, con la classica valigetta di plastica nera rigida

Il nostro video di presentazione

Come vi abbiamo promesso vi abbiamo preparato anche un utilissimo video che vi permetterà di conoscere meglio il Checkerai HI781 e allo stesso tempo vi potrà essere utile come guida per ottenere delle misurazioni perfette.

Le caratteristiche principali

Il Checker HI781 è a tutti gli effetti un fotometro. Per contenere i costi rispetto a strumenti professionali la Hanna ha studiato un sistema che utilizza una sorgente LED LED a lunghezza d’onda fissa (525 nm) ed una fotocellula al silicio per la rilevazione.

Lo strumento è un misuratore di nitrati a scala bassa ovvero da 1 a 5 ppm (parti per milione) ed è specifico per l’utilizzo con acqua di mare. Esiste tra l’altro una procedura di diluizione che permette di estendere il range di misurazione da 5 a 50 ppm ma questo, come normale che sia, va a diminuire l’accuratezza del risultato.

La risoluzione nel range di funzionamento nominale è di 0,01 ppm, mentre l’accuratezza è del +/- 0,25 ppm +/- il 2% della lettura effettuata ad una temperatura di 25° C. La stessa scende a +/- 2,5 ppm +/- il 5% della lettura calcolata nel caso della procedura di diluizione. 

Per capire meglio quale sia l’accuratezza di questo tool abbiamo contattato direttamente il canale di assistenza della Hanna Instruments, che in maniera rapidissima e con grande professionalità ci ha chiarito ogni dubbio in merito.

Facciamo quindi un esempio pratico:

Poniamo che a termine di un misurazione a scala bassa (quindi senza procedura di diluizione) effettuata a 25° C, lo strumento ci restituisca un valore di 5.00 ppm. Ciò sta a significare che il reale valore di nitrati su quel campione potrebbe essere uno qualsiasi tra 4,65 e 5,35 ppm ovvero 5.00 ppm più o meno un errore fisso di 0,25 ppm a cui si aggiunge o sottrae un valore calcolato sulla lettura ovvero di 0,1 ppm corrispondente al 2% di quanto indicato sul display. Naturalmente questo errore indotto diminuisce man mano che ci si avvicina verso lo 0. In caso di lettura 0.0 ppm, il reale valore di nitrato potrebbe essere quindi un valore compreso tra 0 e 0,25 ppm potendo quindi trascurare l’incidenza relativa al 2%.

In realtà nelle nostre prove abbiamo potuto riscontrare qualche difficoltà nelle letture prossime allo 0. Considerando tale range infatti lo strumento si è mostrato abbastanza riluttante a mostrare i valori reali, restituendo sempre 0.00 ppm come risultato anche quando la colorazione del composto in esame era visivamente diversa da una misurazione all’altra. Questi sono infatti i casi in cui l’errore dichiarato si fa notare di più, ovvero in situazioni con nitrati molto vicini allo 0, ma non completamente assenti.

In definitiva ritengo che una tale lettura sia decisamente accurata per quelle che sono le nostre necessità, soprattutto se consideriamo che la maggior parte dei test classici riescono a discriminare soltanto valori interi e piuttosto distanti tra loro come 1, 5, 10 ppm e così via.

L’articolo continua a pagina due dove parleremo dei costi (contenuti), dove potrete vedere l’unboxing e dove potrete scaricare il manuale d’uso.