REPORTAGE

AutoAqua Smart AWC Touch: il cambio d’acqua in modo semplice


Durante il CIPS di Shanghai abbiamo potuto visitare lo stand, piccolino per altro, di una interessante azienda Taiwanese, AutoAqua, di cui abbiamo già parlato in passato su queste pagine, che ripresentava al mondo un prodotto per il cambio d’acqua automatico per l’acquario.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

La novità, rispetto a molti degli stand che abbiamo visitato, è che AutoAqua è importata e distribuita in Italia da ReefLine. Questo vuol dire che, potenzialmente, i prodotti che vedremo oggi potrebbero essere presto importati anche nel BelPaese.

Come anticipavamo, AutoAqua ha ripresentato il proprio Smart AWC Touch. Ripresentato perché, tecnicamente, era già stato visto durante il Macna 2017 a New Orleans. Il SAWC-200P, ovvero lo Smart AWC Touch 200P, è un dispositivo pensato per il cambio dell’acqua automatico e per il rabbocco dell’acqua.

Smart AWC Touch 200P in dettaglio

Come vedete in fotografia lo Smart AWC è estremamente compatto, si presenta con un display LCD e con 5 pulsanti fisici. Due prese per i sensori, 3 prese per le pompe, e una presa di corrente.

Il funzionamento, ed i necessari collegamenti, sono molto semplici, come si può vedere nello schema seguente.

I due sensori vanno posti nella nostra sump, fra i livelli minimi e massimi del cambio d’acqua. Normalmente è il sensore più alto che comanda, e su cui viene calibrato anche il rabbocco automatico. Il sensore più basso invece si attiva solo nel momento del cambio d’acqua e svuota la sump fino a quel livello. La presa P1 comanda la pompa del rabbocco e quindi va per conto suo. Mentre le pompe P2 e P3 andranno poste una in sump ed una nel serbatoio contenente l’acqua del cambio.

Il modo di funzionamento è quindi estremamente semplice. La pompa P2 svuota la sump fino al livello minimo. A questo punto parte la pompa P3 che ricarica la sump fino al livello prestabilito.

Finito. Semplice. Fatto.

Qui sopra vediamo le pompe impiegate per le operazioni e comprese nell’acquisto del sistema.

E qui il sistema in azione con i due serbatoi, l’acquario da gestire, e lo Smart AWC Touch.

I galleggianti sono ottici e tenuti in posizione tramite dei magneti. AutoAqua sembra insomma aver pensato a tutto, ora non ci resta che aspettare che ReefLine lo faccia arrivare nei nostri negozi.

Voi cosa ne pensate? Comprereste un oggetto del genere? O lo fareste solo in base al suo prezzo di acquisto? Parliamone assieme.

Riferimenti

Per ulteriori informazioni su AutoAqua vi rimandiamo alla loro pagina web ufficiale. Vi lasciamo inoltre il link del nostro editoriale sul CIPS 2017, dove troverete anche tutti i link agli articoli che abbiamo già scritto e che scriveremo da oggi in avanti relativi alla manifestazione.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.