NEWS

NP Pellets – la proposta di Colombo per i biopellets


NP Pellets Colombo - la confezioneI biopellets sono sulla carta una risorsa eccezionale per l’acquario, andiamo quindi a conoscere oggi gli NP Pellets della olandese Colombo.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Prima facciamo un passo indietro e prendiamo in prestito le parole di Marco Sacco che scrisse un bellissimo articolo sui biopellets qualche tempo fa. “I Biopellets, polimeri PHA puri al 100% e biodegradabili, producono una fonte di carbonio solido in grado di favorire sulla propria superficie la rapida crescita dei batteri utili che riducono in modo naturale il livello di nitrati e fosfati in acquario“.

In pratica sembra che siano l’uovo di Colombo per l’acquariofilia. Per tanti motivi. Sono puri e quindi non rilasciano inquinanti. Sono semplici da maneggiare, ed hanno l’incredibile plus che non devono mai essere tolti dal reattore in cui vengono utilizzati perché si consumano letteralmente. Abbassano fosfati e nitrati in maniera dinamica, essendo essi stessi contemporaneamente fonte e cibo di batteri. Ovvero maggiore sono gli inquinanti, maggiormente lavoreranno, e viceversa.

Per approfondire l’argomento vi rimandiamo al già citato articolo di Marco che potete leggere qui.

Colombo NP Pellets

Oggi parliamo della proposta di Colombo in merito ai biopellets. Si chiamano NP Pellets, e come tutti i prodotti simili, devono essere utilizzati in un filtro a letto fluido. Il nome non è stato scelto a caso. In quanto NP rappresentano proprio gli inquinanti che si andranno a togliere, ovvero N per Azoto e P per Fosforo.

NP Pellets Colombo - i polimeri

La confezione è da 1 litro, e la quantità raccomandata è di 50-200 ml ogni 100 litri di acquario. Il tutto in base, ovviamente, al carico inquinante dell’acquario. Non è comunque mai sbagliato cominciare con poco ed aumentare il contenuto settimanalmente.

Quindi nella migliore delle ipotesi si possono arrivare a trattare 2.000 litri con una singola confezione.

L’utilizzo deve comunque essere costantemente monitorato, per evitare che i livelli di Nitrato o Fosfato nell’acquario diventino troppo bassi. Anche se la cosa possa sembrare paradossale, livelli troppo bassi potrebbero creare enormi problemi all’ecosistema acquario.

Inutile poi aggiungere che l’utilizzo dello schiumatoio durante l’impiego dei biopellets è fondamentale per poter schiumare i batteri morti.

NP Pellets Colombo - dettaglio in macrofotografia dei polimeri

NP Pellets Colombo in dettaglio

Una confezione di NP Pellets della Colombo costa 60,90 euro, ovvero, e qui è semplice, un prezzo unitario di 60,90 euro al litro.

Qualcuno di voi utilizza questo prodotto? Come vi trovate? E qualcun altro sta utilizzando altri biopellets? Avete voglia di raccontarci le vostre esperienze?


Rispondi