ARTICOLI

Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab


Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab

Grazie alla gentilezza di Reefline che ha fornito la plafoniera al fine di testarla nel DaniReef Lab, abbiamo misurato la nuovissima plafoniera Aquaillumination Hydra 32 HD, analizzando i PAR e creato le relative curve di distribuzione. Vediamo come è andata.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

La Hydra 32 HD è una plafoniera appena uscita sul mercato, che deriva dalla sorella Hydra 26 HD molto apprezzata e vendutissima negli anni passati. Utilizzata un po’ per tutte le tipologie di acquari, dai nanoreef utilizzata singolarmente fino ad arrivare ad acquari importanti, accoppiandone diverse. Non potevamo quindi esimerci dal testarla a fondo e dal vedere cosa abbiamo scoperto con i nostri metodi di analisi.

Caratteristiche Tecniche Aquaillumination Hydra 32

I led sono di 7 colorazioni diverse e suddivise in 7 canali, a cui aggiungere una coppia di LED per simulare la luce lunare In totale parliamo di una coppia di cluster da 14 LED a cui aggiungere i 2 LED della luce lunare.

I led sono così suddivisi:

  • 2 LED UV;
  • 2 LED viola;
  • 8 LED royal blue;
  • 8 LED blue;
  • 2 LED verdi;
  • 2 LED rosso profondo;
  • 8 LED bianco caldo;
  • 2 LED lunari.

Le restanti caratteristiche dichiarate invece sono le seguenti:

  • Potenza: 90 w
  • Dimensioni: 13,7×18,5×3,6(h) cm
  • Prezzo di vendita: 429,90 euro iva compresa
Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab

Costruzione

La costruzione della plafoniera è impeccabile. Non ci sono scricchiolii e l’alluminio superiore, che fa da dissipatore è molto ben fatto. Il pulsante di accensione ora è posto sotto la plafoniera ed è comodo da raggiungere e da premere. Il software si collega tramite bluetooth, semplice, intuitivo e potente.

Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab

La Programmazione

La plafoniera si può comandare utilizzando una applicazione da scaricare su un dispositivo Apple od Android e che utilizza il protocollo Bluetooth. Nel tempo penso di preferire questa modalità a quella wifi, meno problemi di collegamento e configurazioni. Il software infatti è immediato e potente. Lanciando l’applicazione vi verrà chiesto di attivare il bluetooth, e successivamente potrete chiedere all’applicazione di aggiungere una plafoniera. In pochi minuti tutto sarà a portata di dito. La plafoniera si può configurare per canale, bne 7 più la luce lunare.

Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab

Qui sopra vedete il menù per programmare la Hydra 32 come appare su un iPhone, dove si possono impostare le varie intensità ad ogni ora che ci interessi. Ovviamente è possibile impostare la plafoniera anche in manuale per fare le prove e per giocarci, come abbiamo fatto noi.

Plafoniera Led AI Hydra 32: analizziamo le prestazioni nel DaniReef Lab

Notate che l’applicazione vi indicherà la potenza assorbita, e in secondo piano si può vedere lo spettro luminoso risultante. Una delle feature delle varie versioni HD delle plafoniere AquaIllumination è sempre stata la possibilità di andare oltre il 100% di ogni singolo canale, quando gli altri canali non vengono utilizzati.

Niente di strano in verità, perché AI crea uno spettro che dovrebbe essere perfetto per la loro visione delle cose. Ed inserisce un alimentatore pensato per quello spettro e per quella potenza. All’interno di quella potenza però è possibile bilanciare un po’ i vari canali aggiungendo da una parte per togliere dall’altra. Una cosa che mi piace estremamente molto.

Vi faccio notate che non c’è nessun ritardo fra la registrazione del comando sullo smartphone e la modifica dei parametri in tempo reale nella plafoniera. Velocissimo.

Canale 1: UV

Canale 2: Viola

Canale 3: Royal Blue

Canale 4: Blue

Canale 5: Verde

Canale 6: Profondo Rosso

Canale 7: Luce lunare

Canale 8: Bianco Caldo

Notate che i valori di consumo indicati dalla plafoniera sono praticamente identici alle misurazioni fatte, a parte, chissà poi perché, la luce lunare.

Tutti i valori che abbiamo rilevato, ed il nostro metodo di lavoro denominato DaniReef LAB li trovate a pagina due.