ARTICOLI

La lastra di legno fra acquario e mobile è necessaria?


La lastra di legno fra acquario e mobile è necessaria?
Acquario con doppio fondo a mattonelle, con un sottile strato di neoprene fra vasca e mobile in legno ritagliato a misura

Quando si allestisce un nuovo acquario ci si chiede sempre cosa interporre fra acquario e mobile, e spesso viene consigliato di inserire una lastra di legno, ma serve davvero?

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

La domanda è banale, ma tutti ci siamo trovati di fronte a questo quesito, e siccome la domanda è rimbalzata più volte sul forum ultimamente mi è sembrato meglio fare un po’ di chiarezza in merito, in modo che ciascuno possa poi valutare cosa sia meglio nel proprio caso, ma conoscendo dati oggettivi di valutazione, e non i soliti sentito dire.

Il problema che troviamo davanti è infatti quello di accoppiare due materiali diversi, vetro e metallo nel caso di un mobile fatto con anima in alluminio o legno e vetro, nel caso di un mobile costruito completamente in legno.

Spesso si vorrebbe mettere il legno per ripartire il peso dell’acquario su una superficie maggiore. Ma, mi dispiace deludervi, il legno non ripartisce nessun tipo di carico. Ora cerco di sintetizzarvi come funzionano le cose per quello che riguarda il peso. Ricordiamoci infatti che, a differenza di molte cose in acquariofilia che non sempre possono essere spiegate in dettaglio, qui si parla di ripartizione di carichi, una materia semplice dal punto di vista ingegneristico.

La ripartizione dei carichi, acquario-mobile

La lastra di legno fra acquario e mobile è necessaria?

In scienza delle costruzioni un acquario che appoggia su un mobile si schematizza con un carico distribuito su una trave vincolata con due appoggi. Un problema di statica, tra l’altro molto semplice. Ho riportato sopra le risultanze di un carico. Se L = 1 metro, e w=300 kg/m, giusto per fare un conto, avremo che il peso si scarica direttamente sui due appoggi con valore V=w*L/2, chiamate reazioni vincolari, ovvero V=150kg.

Il peso si scarica sui vincoli

Ma le forze hanno anche la componente di taglio e di momento, quelle verdi e rosse nell’immagine precedente. Il momento soprattutto ci porta alla flessione della ipotetica trave, e nel nostro caso del vetro. Lo spessore del vetro quindi deve impedire che sotto il carico esso fletta e la freccia, ovvero la distanza fra il centro dell’acquario senza acqua e il centro dell’acquario pieno d’acqua, sia inferiore alla deformazione del vetro, altrimenti lo porterebbe a rottura. Ma se questo dovesse succedere dovremmo o aumentare lo spessore del vetro oppure aumentare i traversi del nostro mobile, non risolveremmo niente con una lastra di legno sotto il vetro.

Il vetro di fondo deve contenere la flessione

Ma quindi il legno?

Abbiamo quindi visto che il legno non serve per ripartire i carichi, nè serve per contenere la flessione. Inoltre il legno può essere pericoloso perché se si dovesse bagnare potrebbe gonfiarsi e creare delle cricche sul vetro che nel tempo potrebbero portare a rottura la lastra di fondo del nostro acquario. Ma non abbiate paura, se avete messo sotto l’acquario un legno in multistrato marino, come spesso viene consigliato, non succede assolutamente nulla. Il compensato marino non si gonfia, per cui il vostro vetro è al sicuro, non serve dal punto di vista statico, ma non farà danni.

Il mio consiglio è quello di mettere una lastra di neoprene o polistirolo fra vetro ed altri materiali. Questi materiali non si gonfiano, e smorzeranno le asperità che invece potrebbe avere un mobile in metallo, e che sarebbe invece pericoloso a contatto diretto con il vetro.

Però il legno potrebbe anche essere estremamente utile. Una lastra di legno, e scusate se mi ripeto, che sia in COMPENSATO MARINO, o in materiale analogo che sia del tutto impermeabile all’acqua ed all’umidità, potrebbe assolvere ad altre funzioni. La prima che mi viene in mente è quella da fungere da materiale a cui avvitare viti od altro, nella parte inferiore, e con l’attenzione di non arrivare al vetro ovviamente, per usarlo per appendere materiali, utensili, quadri elettrici o quant’altro di comodo ci possa venire in mente. Oppure potrebbe essere utile come materiale su cui far scivolare l’acquario per meglio metterlo in posizione.

Conclusioni

Una lastra di legno fra acquario e mobile non serve quindi per ripartire i carichi, nè per contrastare la flessione. Se inserita, purché sia in compensato marino o in materiale completamente impermeabile, potrebbe essere utile come supporto per appendere accessori all’interno del mobile, oppure per spostare più agevolente la vasca sopra il mobile stesso.

E’ Importante, comunque, che fra vasca e legno vi sia sempre un materiale come il neoprene o il polistirolo che smorzi le asperità del materiale sottostante.

E voi, cosa avete fra vasca e mobile? Fatecelo sapere nei commenti o nei nostri tanti canali social.