CORALLI

Sbiancamento dei coralli: lo studio globale che lo sta analizzando


È stato sviluppato il primo database storico, su scala globale, del fenomeno dello sbiancamento dei coralli, che aiuterà a prevedere il destino delle barriere.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

L’articolo scientifico, “New coral bleaching database to help predict fate of global reefs”, pubblicato sulla rivista PLoS ONE da Simon D. Donner, Gregory JM Rickbeil e Scott F. Heron, presenta  un nuovo database globale sullo sbiancamento dei coralli, che potrebbe aiutare i ricercatori a prevedere eventi futuri di sbiancamento.

Gli episodi di sbiancamento di massa dei coralli sono stati segnalati negli ultimi decenni in moltissime barriere coralline e hanno sollevato preoccupazioni circa il futuro di esse su un pianeta che si va via via sempre più riscaldando.

Nonostante gli sforzi per migliorare e coordinare il monitoraggio delle barriere coralline all’interno e tra i paesi che hanno la fortuna di “ospitarle”, la nostra conoscenza dell’estensione geografica del fenomeno dello sbiancamento di massa dei coralli nel corso degli ultimi decenni, è incompleta.

Banche dati esistenti, come ReefBase, sono limitate dalla natura volontaria dei contributi, dai pregiudizi geografici nella raccolta dei dati e dalle variazioni della scala spaziale dei fenomeni di sbiancamento. In questo studio, è stato sviluppato il primo database storico, su scala globale del fenomeno dello sbiancamento.

Sappiamo che lo sbiancamento di massa dei coralli sta accadendo in tutto il mondo, ma la maggior parte degli eventi si trovano in luoghi nel mondo in via di sviluppo in cui la capacità di monitorarli è limitata“, ha detto Simon Donner, professore associato nel dipartimento di geografia presso l’Istituto degli oceani e pesca a UBC. “Ma nessun rapporto non significa che non sia avvenuto nessun fenomeno di sbiancamento. Potrebbe essere che le risorse di monitoraggio non siano disponibili o che le barriere coralline siano troppo remote da poterle facilmente visitare.”

Reef Base

Il Database ReefBase Global fornisce dati e informazioni a livello nazionale sulla situazione delle barriere coralline.

E’ organizzato nelle seguenti categorie:

  • Risorse: Questa sezione fornisce una panoramica generale del paese, una descrizione della posizione e la struttura delle barriere coralline;
  • Stato: Questa sezione fornisce informazioni a livello di paese, sullo stato e la salute dei coralli, e le tendenze nel settore della pesca;
  • Minacce: Questa sezione fornisce informazioni sulle varie minacce e gli impatti per le barriere coralline. è stato a sua volta organizzato nelle seguenti categorie: naturali (ad esempio infestazioni o malattie biologiche), umano (ad esempio, la pesca eccessiva o lo sviluppo costiero), clima (ad esempio tempeste o piogge eccessive ), e sbiancamento (sia narrazione e rapporti quantitativi sullo sbiancamento);
  • Gestione: Questa sezione fornisce informazioni sul monitoraggio attivo: della barriera corallina all’interno di un paese, delle aree protette con le barriere coralline.

Fonte: Reefbase

I dati storici sui fenomeni di sbiancamento disponibili su reefbase.org sono limitati dalla natura volontaria della raccolta di essi. Le osservazioni nel database sono principalmente dei paesi più sviluppati e delle aree di interesse di ricerca, come i Caraibi e le Galapagos. Il numero o l’estensione spaziale dei rapporti di sbiancamento disponibili da ReefBase non sono quindi una misura attendibile della variazione della frequenza di sbiancamento dei coralli massa nel tempo.

Costruzione del nuovo database sullo sbiancamento dei coralli

I ricercatori in una prima fase della costruzione del database, hanno condotto una ricerca mirata per i rapporti dei fenomeni di sbiancamento non inclusi nel ReefBase, contattando personalmente scienziati, subacquei e effettuando un monitoraggio nelle località meno-segnalate e estraendo i dati da riviste accademiche, documenti governativi e altre fonti.

Sintesi dei dati di sbiancamento osservati

Questa ricerca ha aumentato il numero di segnalazioni di eventi di sbiancamento osservati del 79%.

Fonte: DOI: 10.1371/journal.pone.0175490

In una seconda fase, hanno impiegato tecniche di interpolazione spaziale per sviluppare mappe globali di probabilità dii eventi di sbiancamento verificatisi  dal 1985 al 2010.

I risultati indicano che la probabilità di sbiancamento era otto volte superiore nella seconda metà del periodo di tempo valutato, cioè dopo il 1997/1998. I risultati indicano anche che le temperature massime annue che sono via via salite, hanno aumentato la probabilità di sbiancamento nel corso del tempo.

Il database aiuterà la comunità scientifica a valutare con maggiore precisione la variazione della frequenza di eventi di sbiancamento di massa dei coralli, convalidare i metodi di previsione di sbiancamento di massa e verificare se le barriere coralline si stiano adeguando all’aumento delle temperature oceaniche.

Se gli oceani continuano a riscaldarsi al tasso corrente per il resto del secolo, è probabile che non avremo molti coralli da osservare“, ha detto Donner. “Circa un quarto della biodiversità del mare esiste sulle barriere coralline. Le persone dipendono da loro per il cibo, il reddito e la protezione dai mari.”

Fonte: Donner SD, Rickbeil GJM, Heron SF (2017) A new, high-resolution global mass coral bleaching database. PLoS ONE 12(4): e0175490.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.