Home ARTICOLI WaveReef Auto-Fill un sensore di livello completo ed economico – recensione

WaveReef Auto-Fill un sensore di livello completo ed economico – recensione

13
0

Sensore di livello WaveReef Auto-FillWaveReef Auto-Fill è un semplice osmocontroller che si caratterizza per la completezza della sua dotazione ed il prezzo estremamente contenuto.

Amtra offerte per acquario
WaveReef Auto-Fill è un controller di livello semplice e non programmabile. Arriva, si collega e si accende. Non si deve fare altro.

Già venduto assieme alla sua pompa, che ha ben 2 metri di prevalenza, e con un tubicino in plastica trasparente che si preoccuperà di veicolare l’acqua da portare dal serbatoio di rabbocco alla nostra sump od al nostro acquario.

Il controller si basa su un funzionamento a galleggiante. Galleggiante che viene protetto all’interno di un cilindro in plastica trasparente con dei fori sul fondo ed aperto superiormente. In questo modo l’acqua può passare indisturbata, ma tutto il resto viene lasciato fuori, diminuendo la possibilità di bloccare il galleggiante stesso.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: confezione

La completa dotazione di WaveReef Auto-Fill

In dotazione troviamo un piccolo alimentatore, che, grazie ad un raccordo ad Y, si collega alla piccola pompa in dotazione ed al galleggiante. Il galleggiante è equipaggiato con la sua protezione in plastica. Completano la dotazione una  valvola di non ritorno, un porta cavo per fissare il ritorno in sump (o in vasca), ed il tubicino per l’acqua.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: contenuto della confezione

Il galleggiante si fissa al vetro con una potente calamita, anni luce più pratica di qualsiasi ventosa. Dico potente perché nella mia sump da 5 mm la presa è estremamente salda, per cui penso non vi siano problemi.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: particolare

Non essendo un sistema gestito con microprocessore non risultano in essere allarmi di nessun tipo. Il galleggiante in pratica agisce da interruttore. Se il circuito è chiuso si accende la pompa, quando il circuito si apre la pompa si spegne. Se per qualche motivo il galleggiante si incastra la pompa funziona all’infinito. Non c’è nessun allarme dopo qualche minuto di funzionamento, nè si interrompe il circuito. Questo è l’unico vero limite di questo piccolo osmocontroller.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: calamita

Il volume di rabbocco

Il galleggiante è estremamente sensibile, il differenziale fra circuito aperto e chiuso è di pochi millimetri. Nella mia sump, che ha un volume limitato per la pompa di risalita, e per il vano che funge da rabbocco, il riempimento dura sempre pochi secondi.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: pompa in dotazione

La pompa in dotazione è molto piccola, ed ha 4 ventose (che nella foto non si vedono perché poste sul retro). Il pescaggio arriva a pochi millimetri del fondo, rendendo la pompa molto pratica.

Sensore di livello WaveReef Auto-Fill: pompa in dotazione

I valori della pompa sono i seguenti:

  • Portata: 200 l/h;
  • Prevalenza: 2 metri;
  • Consumo 3,5 watt.

Questo la rende idonea per rabboccare in qualsiasi situazione. Inoltre il funzionamento sarebbe ottimo anche per un rabbocco diretto in acquario, laddove non vi sia una sump, oppure in sump completamente aperte senza divisorio.

Gli accessori speciali che fanno la differenza, i limiti, le nostre considerazioni ed il prezzo nella pagina seguente.

Aquarium Systems - Solutions proven by scientists for MORE THAN 50 YEARS
1
2
Previous articleHawaii: potrebbe ripartire la pesca a scopo acquariofilo, ferma da 5 mesi
Next articleIl Plancton in acquario e lo sbaglio sul fitoplancton come alimentazione
Ingegnere Idraulico, comincia a scrivere su DaniReef nel 2007, sviluppandolo in italiano ed in inglese, attualmente scrive per il blog americano Reefs.com e la rivista tedesca Koralle Magazin ed ha pubblicato il suo primo libro Acquario Marino qualche anno fa - Danilo is Hydraulic Engineer, began to write on DaniReef in 2007, developing it in Italian and English, currently writes for Reefs.com and the German magazine Koralle Magazin and has published his first italian book Marine Aquarium some year ago.