NEWS

Ripreso per la prima volta il calamaro dalla coda lunga


L'asperoteuthis mangoldae. Ocean Exploration Trust.

Un team di ricercatori è riuscito a riprendere per la prima volta un Asperoteuthis mangoldae, una specie di calamaro recentemente scoperta che non era mai stata vista viva fino ad ora.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il team di biologi marini della Nautilus Expedition, stessa spedizione che ha ripreso il “calamaro maialino”, qui l’articolo, è riuscito a filmare l’Asperoteuthis mangoldae, a una profondità di 930 m vicino a Jarvis Seamount nel Marine National Monument delle Isole del Pacifico.

L’avvistamento

Il membro del team di ricerca Dr. Mike Vecchione ha raccontato che il 5 luglio mentre era a bordo del veicolo d’esplorazione (E/V) Nautilus si è imbattuto in questa curiosa e insolita creatura che nuotava appena sopra il fondale marino.

All’inizio gli era sembrato un calamaro lungo e stretto che aveva qualcosa di incastrato sopra.

Ma guardando meglio si è poi accorto che il “qualcosa” in realtà faceva parte del calamaro, ed era una coda che si estendeva oltre le pinne e raddoppiava effettivamente la lunghezza dell’animale.

Era un Asperoteuthis mangoldae, una specie di calamaro recentemente scoperta che non era mai stata vista viva fino ad ora.

Asperoteuthis mangoldae

Questo misterioso calamaro appartiene al genere Asperoteuthis, che comprende solo tre specie di calamari:

  • A. acanthoderma
  • A. mangoldae
  • A. lui

I membri di questo genere sono caratterizzati dalla strana coda che viene trattenuta per tutta la vita dei calamari, nonché da insoliti tentacoli. La coda, è irrigidita da una struttura a forma di bastoncino che la percorre per tutta la sua lunghezza. Presenta dei “fogli” di tessuto su entrambi i lati che sono talvolta chiamati pinne secondarie. Come si può vedere chiaramente in questo video, questi “flap” non funzionano come pinne.

Le pinne primarie del calamaro, si agitano o ondulano per spingere l’animale e possono essere usate per direzionare il nuoto. A differenza delle pinne, il tessuto della coda ha pochissimo muscolo.

A cosa serve questa coda

I ricercatori ancora non conoscono la vera sua funzione, ma sembra che serva a cambiare l’aspetto del calamaro, in questo caso raddoppiando le sue dimensioni. Nei calamari correlati, la coda sembra sia utile a far sembrare i calamari un altro tipo di animale.

Come si può vedere dal video la coda del Asperoteuthis mangoldae è particolarmente grande.

Noi di DaniReef ogni volta che vediamo questi video ci sentiamo emozionati, vi rendete conto è la prima volta che si osserva questo animale?