ARTICOLI

L’acidificazione degli oceani sta rallentando la crescita della barriera corallina


Un nuovo modo di lavorare

Il team di scienziati e ricercatori guidati da Rebecca Albright e Ken Calderia ha voluto tentare un nuovo approccio per lo studio dell’acidificazione oceanica. Per farlo ha sfruttato l’isolamento naturale di una sezione della Grande Barriera Corallina che è stata separato dal resto del mare  dalla bassa marea, fornendo di fatto un laboratorio naturale. Il loro sito di studio, One Tree Reef, è un atollo poco profonda sul lato sud della Grande Barriera Corallina.

dye-over-reef-flat-1-1

La squadra di Caldeira ha aumentato l’alcalinità in laguna con il rilascio di idrossido di sodio. In questo modo ha portato il pH del reef più vicino a quello che sarebbe stato nel periodo pre-industriale, basandosi su stime dell’anidride carbonica atmosferica dell’epoca. Misurando le concentrazioni  a monte e a valle del sistema, gli scienziati sono stati in grado di calcolare l’aumento complessivo del tasso di calcificazione della barriera corallina a seguito dell’alterazione della chimica dell’acqua.

I risultati della ricerca

Essi hanno scoperto che i tassi di calcificazione in queste condizioni pre-industriali erano più alti di quanto non siano oggi.

1456427477922

Il gruppo di ricerca comprendeva Rice Kai Zhu, un esperto in statistica ecologica. “L’analisi dei dati per l’esperimento è stato complicato dalla variazione naturale delle condizioni nella barriera corallina“, ha detto Zhu. “Statisticamente parlando, c’è stata una grande quantità di rumore nei dati, e abbiamo avuto bisogno di filtrare il rumore in modo da poter esaminare solo il segnale dovuto alla variazione del tasso di crescita portato dal cambiamento di alcalinità“.

Zhu ha progettato un modello statistico che era in grado di quantificare la variazione che si è verificata sia naturalmente – in una porzione della barriera che è stata misurato come sistema di controllo sperimentale – sia la variazione come risultato dell’esperimento. I dati hanno mostrato che il tasso di crescita della barriera risultava di circa il 7 per cento più veloce con valori di ph stimati nelle condizioni preindustriali.

study-site_experimental-set-up_working-2

Abbiamo manipolato le attuali condizioni dell’acqua di mare in un serbatoio di 15.000 litri d’acqua di forma simile a una grande piscina gonfiabile. Abbiamo poi pompato l’acqua sulla barriera corallina, misurando la differenza di risposta tra acqua attuale e le condizioni pre-industriali“.

Il nostro lavoro fornisce la prima evidenza forte da esperimenti su un ecosistema naturale, che l’acidificazione degli oceani sta già causando una rallentamento nella crescita delle barriere rispetto a 100 anni fa“, ha detto l’autrice dello studio Rebecca Albright, un biologo marino del Dipartimento di ecologia globale della Carnegie in Stanford, California.

L’acidificazione degli oceani sta già prendendo il suo pedaggio sulle comunità delle barriere coralline. Questo non è più un timore per il futuro; è la realtà di oggi“.

Come possiamo contrastare il fenomeno

L’unico, vero modo duraturo per proteggere le barriere coralline è quello di fare profondi tagli nelle nostre emissioni di anidride carbonica“, ha detto Caldeira. “Se non si interviene su questo tema molto rapidamente, le barriere coralline e tutto ciò che dipende da loro, che comprende sia la fauna selvatica che le comunità locali non sopravvivranno nel prossimo secolo”.

360-coral-reef

In un periodo in cui Presidenti dall’influenza mondiale esternano pensieri del tipo “i cambiamenti climatici sono una truffa” divulgare risultati del genere, ahimè pessimi per il nostro ambiente, ma comunque essenziali per conoscere al meglio il problema e cercare se possibile di porvi rimedio, deve essere il principale obiettivo di tutte quelle persone che o per studio o per passione ne vengano a conoscenza.

Fonte: Nature 531, pg. 362–365 (17 March 2016)