Piante di Acqua Dolce

Anubias barteri l’icona delle piante d’acquario


L’Anubias barteri è la pianta per antonomasia per acquari, una vera e propria icona dell’acquariologia.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

L’Anubias barteri appartiene alla famiglia delle Araceae, ne esistono diverse varietà alcune delle quali selezionate in laboratorio.

Habitat

L’Anubias barteri è originaria dell’Africa, in particolare possiamo trovarla nei più grandi fiumi del continente africano nel Congo e il Niger. E’ diffusa persino nei grandi laghi della Rift Valley, nonostante questi abbiano dei valori proibitivi per la maggior parte delle piante. Le zone dove attecchisce meglio in natura sono paludose con acque lente e stagnanti, generalmente è presente una fitta vegetazione sulle rive che non consente ai raggi solari di raggiungere la pianta. In natura possiamo trovarla completamente immersa dall’acqua, ma nella maggior parte dei casi vive fuori dall’acqua ancorata a legni e rocce.

Collocazione in acquario

L’Anubias barteri fa parte della categoria delle piante epifite, quindi quando decidiamo di ospitarla nel nostro acquario dobbiamo partire da questa premessa. Essendo una pianta epifita non va mai interrato il rizoma che altrimenti andrebbe a marcire, di conseguenza per l’Anubias barteri non è importante inserire un fondo fertilizzato.

Gli appigli ideali per questa pianta sono costituiti da legni e rocce, infatti l’Anubias possiede delle radici che le consentono di aggrapparsi a questo tipo di appigli. L’ aspetto iniziale non deve trarre ingannare, generalmente la troviamo in negozio come una piccola pianta ma in realtà raggiunge delle dimensioni notevoli. Bisogna però considerare che è una pianta a crescita lentissima, di conseguenza raggiungerà le sue dimensioni massime dopo svariati anni.

In ogni caso bisogna considerare sempre le dimensioni della vasca che andrà ad ospitare l’Anubias barteri, infatti se la vasca avrà delle dimensioni contenute bisognerà sempre valutare il fatto di dover togliere o comunque ridurre la pianta attraverso potature del rizoma. In vasche grandi non avremo questa problema perché la pianta avrà tutto lo spazio necessario per crescere.

Illuminazione

Il fattore illuminazione con l’Anubias barteri riveste un ruolo non fondamentale, infatti questa è una pianta che vive con pochissima luce.

Ci sono comunque delle considerazione da fare a riguardo, l’ideale è di essere posizionata in zone d’ombra dove la luce arrivi soffusa. Possono venirci in aiuto altre piante in primis le piante galleggianti che creano zone d’ombra, ma anche le piante a stelo possono darci una mano. Infatti se posizioneremo l’Anubias barteri sotto le piante a stelo queste crescendo creeranno delle zone d’ombra. Ci sono vasche nelle quali la vediamo sotto la luce diretta, ma in questi casi parliamo di persone che hanno una conoscenza degli acquari superiori alla media.

Parametri dell’acqua

L’Anubias barteri è una pianta particolarmente resistente, che vive in un range di parametri dell’acqua veramente ampio.

  • Il ph dell’acqua fra 6,5-8
  • La temperatura dell’acqua fra 22-30 gradi
  • La durezza dell’acqua fra 6-20

Il taglio del rizoma

Molto importante quando si sceglie di tenere una pianta è sapere come si deve potare, l’Anubias barteri è una pianta che possiede il rizoma. Per potare la pianta basterà tagliare dei cm del rizoma aventi delle foglie e avremo una nuova pianta pronta da legare a un legno o una roccia.

In che tipo di allestimenti inserirla

Ci sono determinati tipi di allestimenti dove l’Anubias barteri risulta indispensabile e alcuni dove ci da una grossa mano se non abbiamo un parco luci potente. Per esempio in una vasca similbiotopo dei fiumi africani le Anubias non possono mancare, magari insieme a dei Pelvicachromis pulcher. Oppure in un vasca con dei Phenacogrammus interruptus. Può essere anche una pianta da valutare in un vasca con dei Symphysodon discus, che sono dei pesci che non amano la luce. Si può pensare di inserire delle Anubias barteri persino in una vasca che simuli un biotopo dei grandi laghi africani.

Conclusione

Non si può che amare l’Anubias barteri, fedele amica degli acquariofili e leggenda degli acquari.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.