NEWS

Scoperta una nuova zona oceanica, della barriera profonda, brulicante di nuove specie di pesci


Immergendosi ad una profondità tra i 130 e 309 metri, gli esploratori della barriera corallina dello Smithsonian hanno scoperto un nuovo mondo in cui circa la metà dei pesci non aveva nomi. L’hanno chiamata zona rarifotica.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Nello studio “Below the Mesophotic” pubblicato qualche tempo fa sul journal  Scientific Reports, gli esploratori dello Smithsonian hanno definito, basandosi sull’unica fauna ittica osservata attraverso l’utilizzo del sommergibile con equipaggio Curasub su un sistema di barriera corallina caraibica meridionale a Curaçao, una nuova zona oceanica della barriera profonda brulicante di nuove specie di pesci, la rarifotica, tra i 130 e 309 metri sotto la superficie.

La zona rarifotica

Rappresenta la sezione della colonna d’acqua dove la scarsa luce che filtra attraverso la zona mesofotica soprastante (da 40 a 150 metri) è quasi scomparsa. Infatti in nella zona rarifotica (circa 150 a 309 metri) è troppo oscuro per sostenere i coralli fotosintetici che costruiscono le barriere.

Gli ecosistemi delle barriere coralline appena al di sotto della zona mesofotica, la profondità massima alla quale possono sopravvivere i coralli di barriera corallina tropicale, sono stati ampiamente ignorati dagli esploratori oceanici.

Il ruolo di questa nuova zona non è ancora chiaro, sembrerebbe  che la zona rarifotica offra rifugio ai pesci di barriera che vivono in acque poco profonde in cerca di sollievo in quanto il cambiamento climatico causa il surriscaldamento delle acque più basse e la loro inabitabilità.

Zona crepuscolare della barriera corallina

Molti ricercatori si chiedono se le aree più profonde della barriera corallina, a volte note come “zone crepuscolari della barriera corallina“, possano agire come rifugi per gli organismi che abitano le acque poco profonde, dove la salute della barriera corallina è fortemente destabilizzata. Mentre i ricercatori dello Smithsonian cercavano di rispondere a questa domanda, si sono trovati difronte un qualcosa che fece capire immediatamente agli scienziati di avere scalfito soltanto la superficie di quella che è la vera biodiversità dei pesci della barriera corallina.

Ha affermato Carole Baldwin, curatrice di pesci presso il Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian, autrice principale dello studio e direttore del Deep Reef Observation Project (DROP) dello Smithsonian: “Si stima che il 95% dello spazio vivibile sul nostro pianeta sia nell’oceano. Eppure è stata esplorata solo una minima parte di quello spazio, ed è comprensibile per quelle aree che sono a chilometri e chilometri di distanza al largo e a chilometri di profondità. Ma la barriera corallina tropicale profonda è appena al di sotto delle barriere poco profonde e molto studiate, essenzialmente i nostri cantieri. Le barriere coralline non sono paesaggi aridi sul profondo fondale oceanico: sono ecosistemi altamente diversificati che meritano ulteriori studi. Spero che nominando la zona rarifotica della barriera corallina, attireremo l’attenzione sulla necessità di continuare ad esplorare le barriere profonde“.

Una delle nuove specie di pesci scoperte nel rariphotic, Haptoclinus dropi è stata chiamata per il progetto di osservazione della barriera corallina dello Smithsonian Carole Baldwin, Smithsonian

Osservate circa 71 specie di pesci

Come parte del Deep Reef Observation Project (DROP) di Smithsonian, il dott. Baldwin e il suo team hanno condotto dozzine di immersioni con il sommergibile nella zona rarifotica in cui hanno osservato 4.500 singoli pesci che rappresentano 71 specie.

Nonostante il loro habitat profondo e oscuro, le specie di pesci che gli scienziati hanno trovato in questa regione tendono a somigliare ai pesci colorati trovati sulle barriere coralline piuttosto che ai veri pesci dell’oceano profondo.

Questa ricerca ha mostrato che molti pesci di barriera che abitano le acque poco profonde, possono vivere ad una profondità che è più del ​​doppio della profondità che si pensava in precedenza.

Sei nuovi generi e circa 30 nuove specie

Da quando è stato avviato il DROP nel 2011, più di 40 ricercatori, la maggior parte del National Museum of Natural History e dello Smithsonian Tropical Research Institute (STRI), hanno intensamente studiato i pesci e gli invertebrati della barriera corallina al largo di Curaçao.

All’interno di un’area di soli 200 metri quadrati, gli scienziati hanno identificato circa 30 nuove specie.

Ha affermato D. Ross Robertson, biologo marino presso la STRI e coautore dello studio: “Circa un pesce su cinque che troviamo nella rarofotica dei Caraibi è una nuova specie. Finora, il mio preferito è Haptoclinus dropi“.

Molte altre nuove specie già scoperte dai ricercatori DROP attendono la descrizione.

Il mini-sottomarino Curasub

Mentre i subacquei possono lavorare fino a circa 40 metri, il mini-sottomarino Curasub si immerge a 309 metri, dove può rimanere immerso fino a otto ore alla normale pressione atmosferica, consentendo ai passeggeri di scendere a riva dopo un’immersione. Questa tecnologia ha notevolmente ampliato la capacità degli scienziati di esplorare le barriere profonde.

Carole Baldwin, biologa marina presso il Museo Nazionale di Storia Naturale Smithsonian con Adriaan Schrier nel sommergibile Curasub

Nuova classificazione delle zone faunistiche della barriera corallina

Basandosi sulle loro ricerche sui pesci della barriera corallina, i ricercatori e il coautore Smithsonian Luke Tornabene (assistente professore presso l’Università di Washington e ex collega post-dottorato Smithsonian) presentano una nuova classificazione delle zone faunistiche della barriera corallina:

  • Altiphotic (luce alta): il nuovo nome per i 0-40 metri precedentemente anonimi, la zona ben illuminata dove i coralli di barriera sono abbondanti, che si estende in profondità come normalmente i subacquei convenzionali.
  • Mesophotic (luce media): 40 fino a 150 metri, la profondità massima alla quale possono sopravvivere i coralli tropicali che costruiscono le barriere e i loro simbionti algali.
  • Rariphotic (luce scarsa): Zona faunistica appena scoperta da 130-300 metri, al di sotto della zona corallina che forma la barriera corallina, e profonda quanto Curasub può andare.
  • Profondo aphotic (effettivamente nessuna luce): sotto 300 metri

Ha affermato Baldwin: “Gli ecosistemi di scogliere appena sotto la zona mesofotica sono globalmente poco esplorati, e la visione convenzionale basata sui pochi studi che li menzionavano era che gli ecosistemi variano direttamente dalla zona mesofotica a qualle del mare profondo. Il nostro studio rivela una zona precedentemente non riconosciuta che comprende la barriera corallina e pesci d’alto mare che collegano ecosistemi mesofotici e profondi“.

Conclusioni

L’analisi genetica e fisica di diversi campioni di scaglie ha inoltre rivelato che alcune delle specie endemiche della zona rarifotica si sono evolute di recente da parenti che abitano le acque poco profonde, anche se la pressione selettiva causata dalla transizione è sconosciuta.

I ricercatori della DROP sperano che studi futuri chiariranno come le morti del corallo e gli aumenti della temperatura oceanica, causati dai cambiamenti climatici, influenzino la vita nel mesofotico e rarifotico.

Journal reference:

CC Baldwin, L. Tornabene, DR Robertson. Sotto il mesofoto . Rapporti scientifici , 2018; 8 (1) DOI: 10.1038 / s41598-018-23067-1


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.