NEWS

Un nuovo modo di costruire grandi acquari con tiranti da DAS Aquariums


dutch-aquarium-system-steel-rod-tank-brace-2

DAS Aquariums è una ditta olandese che ha iniziato la sua storia nel 1960 tramite un piccolo negozio di acquari.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Oggi, da quello che si capisce dal loro sito web, operano in tutto il mondo (DAS Aquariums).

Durante la fiera internazionale di Chicago, Aquatic Experience, il noto blog americano ReefBuilders (Dutch Aquarium Systems introduces a novel tank brace using steel rods) ha scoperto una cosa molto interessante.

Come tutti noi acquariofili sappiamo, la costruzione di un acquario è sempre un compromesso fra quello che si può fare e quello che si vorrebbe fare. Nella fattispecie negli ultimi anni si è utilizzato un vetro sempre più spesso per avere acquari, anche di grandi dimensioni, che non presentassero uno spanciamento evidente.

Una volta si usavano vetri meno spessi ma con tiranti fatti da lamine in vetro opportunamente incollate nella parte superiore dell’acquario. Queste lamine ovviamente portavano via spazio, creavano problemi nella manutenzione, e sebbene permettessero l’uso di vetri meno spessi e quindi più trasparenti, erano esteticamente orrende.

dutch-aquarium-system-steel-rod-tank-brace-4

Oggi DAS Aquariums ha proposto l’utilizzo di barre metalliche in luogo delle lamine in vetro. In questo modo si riesce a contenere lo spessore dei vetri, che quindi saranno più leggeri e molto più trasparenti, e gli acquari stessi avranno un grado di sicurezza maggiore contro lo spanciamento.

dutch-aquarium-system-steel-rod-tank-brace-3

Il bello di questo giochino in effetti è che rispetto alle lamine di vetro che correvvano tutte attorno al perimetro dell’acquario, ed alle lamine trasversali spesse alcuni centimetri, qui abbiamo un materiale molto più resistente, e molto meno invasivo alla vista.

dutch-aquarium-system-steel-rod-tank-brace-1

Inoltre dovrebbe raccogliere molto meno sporco e meno concrezioni di sale e calcio.

C’è da dire che il materiale è, ad oggi, sconsigliato per l’acquariofilia marina, in quanto corrodibile in ambienti aggressivi, ma crediamo che questo sia solo il primo passo di un affinamento successivo, e che sarà una idea utile e sfruttabile per acquari molto lunghi che diversamente avrebbero bisogno di tiranti.

Voi cosa ne pensate?


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.