Tag Archives vasca

La Tridacna… da vicino – inside Tridacna


Quanto possono essere belle le Tridacne?

Io ne ho due, sono due Maxime. Una ha più di 6 anni, mentre l’altra ne ha quasi uno.

Questa è quella più anziana che si merita la vetrina 🙂

Tridacna Maxima

Mentre questa è la più giovane

Tridacna Maxima

ma non perdetevi questa vista… letteralmente DENTRO LA TRIDACNA

Tridacna Maxima

How beautiful are giant clams? I love, as I love so many reef organisms.

In the images above you can see my 2 Tridacna Maxima. The first is the oldest, more than 6 years now, and the other is about one years old now.

And the last image I think is amazing! INSIDE TRIDACNA.

Fotografie dei nuovi pesci del mio acquario – Fishes pictures from my Reef Aquarium


Ormai un paio di settimane fa ho comprato alcuni pesci, di cui purtroppo uno dopo 15 giorni è spirato. Siccome però questo pesce è molto bello (Chaetodon kleinii) e la più piccola delle mie bimbe se ne era innamorata e gli aveva dato un nome, l’ho ricomprato qualche giorno fa.

Dopo qualche giorno dall’inserimento mi sono preso un po’ di tempo per fare qualche foto che pubblico ora, sebbene in colpevole 😉 ritardo.

E così torniamo nel tema del mio acquario marino che è stato un po’ trascurato ultimamente 😉

Chaetodon kleinii – pesce farfalla, Bloch 1790
anche conosciuto come Brown Butteflyfish, Corallicola Butteflyfish, Blacklip Butteflyfish

Chaetodon Kleinii

Preso inizialmente per mangiare le aiptasie, di cui è un accreditato divoratore in sostituzione dell’Acreichthys tomentosus deceduto dopo un anno e mezzo dal suo inserimento e che aveva svolto egregiamente il suo lavoro. Con il bonus riportato in diversi testi che potrebbe anche essere un divoratore di Myrionema amboeniensis. Appena inserito e fatta la conoscenza di Berto, il mio splendido Acanthurus leucosternon, si era ambientato in maniera magnifica, mangiava di tutto (tranne le aiptasie), ed era uno spettacolo vederlo nuotare con il suo nuoto così diverso da quello a cui sono abituato. La mia figlia piccola se ne è subito innamorata, tanto da dargli il nome di Pepe. Purtroppo dopo 15 giorni è deceduto senza motivo apparente.

Ricomprato qualche giorno fa, si è subito ambientato, ma non ho ancora foto.

Biologicamente è accreditato di una lunghezza massima di 14/15 cm a seconda delle fonti. Semplice da adattare alla vita in cattività e divoratore più o meno di qualsiasi cosa.

Sinchyropus picturatus – pesce mandarino, Peters 1876
anche conosciuto come Dragonets, spotted Mandarinefish, psychedelic Mandarinfish, picture Dragonet

Sinchyropus picturatus

I pesci mandarino li trovo splendidi, si adattano in qualsiasi vasca con facilità se le vasche sono sufficientemente anziane e ricche di vita, diciamo quindi che per inserire con successo e fiducia un pesce mandarino in vasca l’acquario deve essere allestito da almeno un anno e con un buon numero di rocce vive.

Questo è il mio primo tentativo con un mandarino picturatus, accreditato di una taglia massima di 7 cm, e che non è proprio semplicissimo allevare in cattività proprio per le difficoltà ad alimentarlo.

E siccome non sono riuscito a resistere alla bellezza di questi particolarissimi pesci ho inserito anche un

Sinchyropus splendidus – pesce mandarino, Herre 1926
anche conosciuto come green Mandarinefish e striped Mandarinfish

Sinchyropus splendidus

Per ora vivono tranquilli, pacifici e si ignorano anche se spesso bazzicano negli stessi posti. Notate la grandezza dei discosomi delle foto 😉 Lo splendidus è accreditato di una lunghezza massima di 8 cm, ed ha gli stessi problemi di ambientamento e difficoltà di alimentazione di tutti i pesci mandarino, ma è assolutamente splendido.

Entrambi gli esemplari sono molto giovani, e l’ultimo sinchyropus splendidus è vissuto per 3 anni ed è scomparso proprio un anno fa qualche giorno dopo il cambio vasca.

Pseudocheilinus hexataenia – pesce scoiattolo, Bleeker 1857

Pseudocheilinus Hexataenia

Lo Pseudocheilinus è accreditato essere un ottimo divoratore di planarie, insieme ai mandarini, e siccome non ho mai avuto problemi di planarie… bhè… prevengo. Tra l’altro è un pesce molto vivace che nuota molto ed accreditato di crescere al massimo 7,5 cm.

Purtroppo è un ottimo saltatore, ed infatti l’ho già pescato una volta dal pavimento, spero che gli sia bastato 😉

Some days ago, three weeks, I bought some new fishes for my aquarium. One is just dead after 15 days… but… as I like this fish very much (Chaetodon kleinii) and one of my daughters (2 years old) has named him Pepe, I’ve bought again.

Some days after I publish my pics… sorry for delay 😉

And so we come back again at my reef aquarium theme 😉 that in the last days I’ve neglected for some announcements…

Chaetodon kleinii – Klein’s Butteflyfish, Bloch 1790
also known as Brown Butteflyfish, Corallicola Butteflyfish, Blacklip Butteflyfish

Chaetodon Kleinii

I’ve taken mainly to eat aiptasia, because in wild life he normally eat them in substitution of the Acreichthys tomentosus passed away after 18 months but that had eaten all the aiptasia, accomplishing its job. With the bonus written in various books that he could also eat Myrionema amboeniensis. As soon as I inserted and made the acquaintance of Berto, my splendid Acanthurus leucosternon, he was ok, he ate everything (except the aiptasia), and his swim was spectacular, so different from other I was used to see. My small daughter fallen in love for him… until he called him Pepe. Unfortunately after 15 days he is passed away without appearing reason.

I’ve bought some days ago but I haven’t picture of “new” Pepe.

Normally he grows until 14-15 cm depending on book you’re reading. Very simple to keep in aquarium but he eat about everything…

Sinchyropus picturatus – Mandarinefish, Peters 1876
also known as Dragonets, spotted Mandarinefish, psychedelic Mandarinfish, picture Dragonet

Sinchyropus picturatus

I love Mandarinefish, also because they are good mate of almost every reef aquarium, if reef aquarium are quite old (1 years) and full of live rock to give them something to eat. In fact is almost impossibile to give them non-living food.

This is my first attempt with picturatus Mandarinefish, max 7 cm, not so easy to keep for his eating food problems.

But, nevertheless, I can’t resist to their beauty, so I’ve bought also

Sinchyropus splendidus – Mandarinefish, Herre 1926
also known as green Mandarinefish e striped Mandarinfish

Sinchyropus splendidus

For now they live together with no problem and are good mates, also if their are going in the same rocks. Please note the Big Discosoma 😉

Splendidus Mandarinefish grows until about 8 cm, and have the same feed problem of Picturatus Mandarinefish. But I like them very very much.

Two mates are young, and I hope they can live for many years. My last Sinchyropus splendidus has lived for 3 years on my tank.

Pseudocheilinus hexataenia – Sixline Wrasse, Bleeker 1857

Pseudocheilinus Hexataenia

Pseudocheilinus normally are good eater of planaria, together with mandarinefishes. I never had problems with planaria, but… better preventing it! Anyway he is a very vivid fish, swims a lot and grows until 7,5 cm.

On the other side he is a good jumper, I’ve taken just one time from my floor, I hope it’s enough for him… 🙂

Il mio acquario di Barriera prima del cambio vasca – My reef aquarium before changing tank


Un anno fa in questi giorni stavo progettando i dettagli del cambio vasca. E visto che il cambio vasca grazie a Max è andato in streaming su internet, mi preparo a pubblicare diverse foto ed alcuni filmati relativi all’evento, nonché un immancabile articolo sui cambi vasca.
Il primo filmato che mi viene voglia di farvi vedere è quello relativo alla mia vecchia vasca, come era il giorno prima del cambio. Quando lo rivedo in effetti mi riempio di nostalgia, la vasca era veramente spettacolare, questa che ho ora, sebbene più grande è completamente diversa e non così appagante alla vista… ancora 🙂

Altri riferimenti su quella vasca potete trovarli qua: Articolo sulla vecchia vasca e Descrizione della parte tecnica.


One year ago, in these days, I was planning the details of tank changing. And, as you know, my tank changing was in streaming on internet, now I’m preparing myself to publish some videos and some photos of event.

The first video is about my old tank, previous day before changing.

When I see again it… I’ve no words to describe it. The aquarium was truly spectacular, the new one is larger but not so beautiful to see… for now.

Thanks for seeing

La vasca cambia – changing on my reef tank


Il tempo passa e la vasca cambia, si evolve, i coralli aumentano e cambiano, qualche pesce muore e qualche nuovo pesce prende il suo posto.

Un anno fa circa cambiavo vasca e questo nel corso dell’anno ha portato molti cambiamenti e molte evoluzioni nel mio acquario.

Posso dire che durante questo anno è successo veramente di tutto. Ho perso dei coralli dalle dimensioni semplicemente enormi, ho perso una colonia di Acropora grandis blu che era stata il simbolo della mia vecchia vasca. Ho avuto una riproduzione spontanea di Acropora in vasca. Ho aggiunto diversi pesci ed altri sono in aggiunta.

Sono perdutamente invaso da myrionema e non so come porvi rimedio. Ho qualche freccia al mio arco, ma non so se riuscirò ad andare lontano. L’alternativa è quella di smontare l’acquario e ricominciare… da zero.

E se dopo aver letto tutto vi viene da chiedervi quanto costi mantenere una vasca simile… bhè, potete leggerlo qua: Costi di gestione della mia vasca.

Profilo dell’acquario

L’Acquario è sempre ovviamente un acquario marino di barriera, avviato da settembre 2001 con 4 mesi di buio e maturazione con le sole rocce vive, nell’aprile del 2007 ho cambiato la vasca che è quella attuale.

Condotto con Metodo Berlinese.

Dimensioni:
130 x 55 x 55 aperto con sump da 80 x 45 x 45 con livello d’acqua di circa 20 cm e rabbocco incluso tramite un setto all’interno della sump con una capacità di 40 litri per un totale di 360 litri netti. La vasca è stata acquistata da Stefano di Aquarium Style, che purtroppo si è ritirato dal mercato.

La pompa di risalita è una Eheim 1250, anche se per diverso tempo ho provato una Ocean Runner OR2500

Illuminazione:
Ati Powermodul 8×54w con neon T5. I Neon usati sono attualmente 5 Aquablue Spezial, 2 Blu Plus ed 1 Pro Color, sempre della ATI

Filtraggio:
65 kg circa di rocce vive
Uso Carbone Attivo fisso a bagno nella sump, 250g e lo cambio mensilmente, attualmente sto usando carbone attivo Elos
Reattore di calcio Korallin C-3001 caricato con ARM.
Schiumatoio Elos NS 1000

Movimento:
2 Tunze Turbelle Stream 6100 da 12.500 l/h

Refrigeratore Aquamedic Titan 250

Gestione computerizzata dell’acquario tramite controller Aquatronica
Sensore di Temperatura in vasca e nel mobile della sump, 2 sensori di Livello, uno in sump ed uno nella vasca di rabbocco, sensore pH, sensore di ORP (ossidoriduzione), sensore di densità.
2 Unità di potenza.
Collegamento al PC

Gestione computerizzata dell’acquario tramite controller LIMULUS
Sensore di Temperatura in vasca e nel mobile della sump, sensore di Livello, sensore pH, sensore di Redox, sensore di densità.
2 Unità di potenza, modulo Tunze, monitor, modulo gsm, modulo ethernet e led ultraluminoso per la luce notturna.

Gruppo di continuità APC Back-Ups RS 800VA che dovrebbe garantire circa 6 ore di autonomia alla sola pompa di risalita.

Acqua di osmosi per il cambio, con filtro di Osmosi Inversa da 75 galloni e reattore post osmosi antisilicati, tutto di derivazione Forwater tranne la membrana che è stata acquistata da Gianni di AquariumCoralReef

Sale usato: Elos

Mangimi utilizzati:
Super Hi Food SHG granulato, alghe nori, mangime del Dottor Bassler Forte ed Elos.
Mangimi per Invertebrati:
Elos SVC, Omega Pro-Skimmer

Atri integratori utilizzati:
Elos Prima Line Elements

Invertebrati:
foto ed articoli dei coralli

Molli
Actinodiscus striata – varii, la vasca ne è invasa
Actinodiscus spotted – varii, la vasca ne è invasa
Actinodiscus rossi
Sinularia sp.
Lobophyton sp.

LPS
Caulastrea furcata

SPS
Acropora Microphthalma colore marrone/verde riproduzione
Acropora Nobilis colore giallo
Acropora Prostrata colore blu
Acropora Azurea colore rosso/viola/bianco a polipi bianchi
Acropora Millepora colore azzurro
Acropora Sp. colore verde
Montipora Fogliosa color vinaccia, Arancione
Montipora Digitata colore verde
Montipora Digitata colore azzurro/viola
Montipora Samarensis color arancione

Pesci:
foto ed articoli dei pesci
Chrisiptera parasema – 2/2002
Acanthurus Leucosternon – 7/2002
Calloplesiops Altivelis – 7/2002
Centropyge Bicolor – 7/2002
2 Amphiprion Ocellaris – 1/2003 e 2/2008: foto della deposizione della vecchia coppia
Zebrasoma Flavescens – 12/2003
Gobiodon Okinawe – 2/2006
3 Anthias squamipinnis – 10/2006
Centropyge Acanthops – 6/2007
Synchiropus splendidus – 3/2008
Synchiropus picturatus – 3/2008
Gobiosoma sp. – 3/2008
Pseudocheilinus exatenia – 3/2008
Chaetodon Kleinii -4/2008

Altro:
2 Tridacna Maxima
2 ricci Salmacis Bicolor
2 lysmata Amboeniensis
1 lysmata Debelius

Trochus e Turbo varie
3Paguro Calcinus Sp.

Misurazioni:
Salinità 33 per mille – rifrattometro e sonda densità di Aquatronica
Calcio 425 – Elos
Kh 6 – Elos
Nitrati No3 tracce non misurabili – Elos
Fosfati Po4 tracce non misurabili – Elos
pH 7,7/8,4 con sonda aquatronica e limulus
ORP e Redox: 350/480 mS con sonda aquatronica e limulus
Temperatura 25,4 circa

descrizione del 31 marzo 2008

The time goes on and accordingly with it the tank changes itself, grows up, corals grows up, some fishes die and some other fishes take their place.

One year ago I changed tank, from my earlier 323 litres to my actual 393, and into this long year many things have changed, many things have happened on my reef tank.
I may assure you that many and many things have evolved. I’ve lose corals of huge dimension, I’ve lose my Acropora grandis, symbol of my previous tank. My Acropora microphthalma has spawned. I’ve added some fishes and maybe other are coming in a short amount of time.

I’m fully fully fully filled of myrionema, and until now I couldn’t rid of them. Now I’ve some other ideas, but if I couldn’t rid of them… I’ll empty tank and I’ll begin from zero.

And if you want to know how much I spent every year for my reef tank… look at here: Year expenses of my tank.

Aquarium Profile

Marine Reef form september 2001. In 2007 April I’ve changed tank.

Dimension:
130 x 55 x 55 cm with sump 80 x 45 x 45 cm with a water level of about 20 cm.

The return pump is Eheim 1250, also if for some times I tried Ocean Runner OR2500

Lighting:
Ati Powermodul 8×54w with T5. Now I’m using 5 Aquablue Spezial, 2 Blu Plus ed 1 Pro Color, everyone from Ati

Filtration:
65 kg of live rocks
I use active carbon into the sump, 250g and I change it every month, now I’m using Elos Active Carbon
Calcium Reactor Korallin C-3001 filled with ARM.
Skimmer Elos NS 1000

Circulation:
2 Tunze Turbelle Stream 6100 da 12.500 l/h

Temperature:
Chiller Aquamedic Titan 250

Controller:
All system is driven by Aquatronica
I’ve one temperature probe into tank and one to measure air temperature into the sump, 2 level probe, pH probe, Orp probe and density probe.
2 Power units.

and by Limulus
I’ve one temperature probe, 1 level probe, pH probe, Redox probe and density probe.

2 power units, Tunze module, night light led, display, GSM module and ethernet module.

I’m using APC Back-Ups RS 800VA to back up my return pump for about 6 hours.

OR water

Reef salt: Elos

Feeding:
Super Hi Food SHG, nori algae, Dottor Bassler Biofish Food Forte and Elos.
Elos SVC, Omega Pro-Skimmer for my invertebrates

Elos Prima Line Elements for elements integration

Invertebrates:
Pictures of invertebrates

Soft
Actinodiscus striata – tank filled
Actinodiscus spotted – tank filled
Actinodiscus red
Sinularia sp.
Lobophyton sp.

LPS
Caulastrea furcata

SPS
Acropora Microphthalma brown/green spawning
Acropora Nobilis green
Acropora Prostrata blue
Acropora Azurea red/white/pink with white polyps
Acropora Millepora light blue
Acropora Sp. green
Montipora Fogliosa
Montipora Digitata green
Montipora Digitata light blue/pink
Montipora Samarensis orange and red

Fishes:
Pictures of fishes
Chrisiptera parasema – 2/2002
Acanthurus Leucosternon – 7/2002
Calloplesiops Altivelis – 7/2002
Centropyge Bicolor – 7/2002
2 Amphiprion Ocellaris – 1/2003 e 2/2008: Spawning
Zebrasoma Flavescens – 12/2003
Gobiodon Okinawe – 2/2006
3 Anthias squamipinnis – 10/2006
Centropyge Acanthops – 6/2007
Synchiropus splendidus – 3/2008
Synchiropus picturatus – 3/2008
Gobiosoma sp. – 3/2008
Pseudocheilinus exatenia – 3/2008
Chaetodon Kleinii – 4/2008

Other:
2 Tridacna Maxima
2 ricci Salmacis Bicolor
2 lysmata Amboeniensis
1 lysmata Debelius

Trochus and Turbo snails
3 Hermit crub Paguro Calcinus Sp.

Water Tests:
Density 33/1000 – refratometer and Aquatronica density probe
Calcium 425 – Elos
Kh 6 – Elos
Nitrates No3 0 – Elos
Fosfati Po4 0 – Elos
pH 7,7/8,4 with Aquatronica and Limulus probes
ORP – Redox: 350/480 mS with Aquatronica and Limulus probes
Temperature 25,4

march, 31 2008


Avvenimenti – The things happen


Uno si sveglia la mattina e scopre che le cose accadono…

I Myrionema amboeniensis (o amboeniese) sono sempre un problema, che prima o poi troverò il tempo di affrontare anche qua e ne scriverò un articolo, vi basti sapere che sono arrivato ad un punto tale che se non risolvo a breve potrei svuotare la vasca completamente e ricominciare.

_DSC2146

Comunque dicevo, uno si alza, va all’impianto di osmosi e legge un TDS di 24… quando l’ultima volta che lo aveva usato segnava fra 0 ed 1… quel poveretto cosa deve fare? La storia vuole che quel poveretto ha lasciato aperto l’impianto di osmosi per oltre 2 ore, solo per arrivare nuovamente ad un valore di 1.

Poi sempre quel poveretto torna in casa, perché l’impianto di osmosi è nella soffitta, apre il mobile dell’acquario e si accorge che il reattore di calcio ha compattato tutta l’ARM presente in esso (Korallin C-4001), l’uscita del reattore è ovviamente bloccata, e il KH in acquario è crollato… uff

_DSC2143 _DSC2144

Poi sempre quell’omino si gira verso lo schiumatoio e…

Apro una parentesi. Avendo in casa una pompa Ocean Runner OR2500, come potete vedere qua: OR2500 ho provato a cambiare la pompa dello schiumatoio Elos NS1000 con l’unico scopo di vedere se era possibile abbassare i consumi della Eheim 1260.

Ebbene qui vedete una foto dello schiumatoio con l’Ocean Runner, se non sapete cosa guardare ve lo dico io, date un occhio alle bolle presenti nella camera di contatto, al numero ed alla loro distribuzione

_DSC2142

Dopo aver tenuto per oltre un mese questa pompa, ed aver mantenuto i valori a zero, ho voluto rimettere su la Eheim 1260, in quanto al di là dei dati dichiarati in linea (cioè a prevalenza zero), entrambe le pompe collegate a questo schiumatoio hanno dato più o meno lo stesso consumo misurato, attorno ai 48-50 watt.

Come detto ho cambiato la pompa, rimettendo l’Eheim, ed infatti come potete vedere dalla foto la camera di contato è molto molto più piena, il che sottintende sicuramente una migliore efficienza dell’insieme

_DSC2240

Orbene, torniamo al nostro omino…

Che sempre quel giorno si volta verso lo schiumatoio e si accorge che solo 24 ore dopo aver rimesso la Eheim lo schiumatoio è letteralmente impazzito e si è riempito di puzzolente brodaglia nero-verde…

Come si dice… Le cose accadono…

One man wakes up in morning and discovers the things happen.

My very big problem, The Myrionema amboeniensis (or amboeniese) are always worst, sooner or later I assure you I’ll find the time to write something about them, but as my friends know I’m arrived to decision to empty my tank to begin again from the beginning.

_DSC2146

Let’s change the subject, the man wakes up, goes to his reverse osmosis system and reads a TDS of 24… when the last time it marked between 0 and 1… what must this man do? The history tells us the man open his system and waits for more than 2 hours until he reads again a value of 1.

Then the man comes back home, because reverse osmosis system is in the attic, opens sump doors and look at his calcium reactor (Korallin C-4001). All the ARM media is one big compact piece, no water comes out from it, and dKH in aquarium is raised down

_DSC2143 _DSC2144

Then the man looks at his skimmer and…

Let’s do one step backward.
As I have a Ocean Runner OR2500 pump, as you can see here: OR2500. I have tried to change the skimmer pump of Elos NS1000 to see if it were possible to lower the consumptions of Eheim 1260.
Well, here you see a photo of skimmer with the Ocean Runner, if you don’t know where to look at, I say to you… Let’s look to the bubbles in the contact room, their number and their distribution

_DSC2142

After using it for a month, my water values are again at values to zero, I come back to Eheim 1260. You can read different consumption value on datasheet but to my measurement I read a value from 48 to 50 watt to each other.

So I replace the ocean Runner with Eheim, and as you can see from picture below, contact room is more filled with bubbles, so efficiency is better improved

_DSC2240

So let’s come back to our man…

The man looks at his skimmer and see cup filled with brown water. Only 24 hours after changing his pump! The skimmer is driven crazy and is filled of stinking black-green water…

As it is said… The things happen…

La vasca di Giuseppe Tomei aka Pino “cris1261” – The tank of


In occasione del Magna Romagna che si è recentemente tenuto a Cervia, siamo stati ospiti di Pino che ci ha mostrato il suo recente acquisto, un Elos System 120XL che ha finito la maturazione da qualche settimana.

La vasca è veramente splendida 🙂

 

La vasca ELOS 120XL di Pino

Come potete vedere la vasca, ancorché molto giovane, si presenta splendida (e non solo per le mie foto 🙂 )

Le dimensioni della Elos 120XL sono infatti di 120x80x50 cm, in pratica è come guardare 3 acquari in uno, e l’altezza ridotta a 50 cm dona all’insieme una vista wide che io amo particolarmente.

Il resto dell’equipaggiamento comprende il mobile su misura sempre Elos, lo schiumatoio NS1000, la Eheim 1260 come risalita, la plafoniera Aqua Planet II 2×250 + 4x39w t5 Elos, 2 Tunze Stream 6100 con multicontroller, il Biotopus II, ed è in arrivo il reattore di calcio sempre Elos REA120 plus.

Le rocce vive sono state acquistate da Reeflab così come parte dei coralli che si vedono, alcuni provengono dalla mia vasca, soprattutto una bellissima Acropora nobilis 🙂

 

Pino con la sua vasca Elos 120XL

Qua sopra vedete un Pino soddisfatto della sua vasca, soprattutto in relazione al fatto che ha finito la maturazione da qualche settimana, ha travasato i coralli dalla vecchia vasca, ed i valori sono praticamente a zero.

Nell’acquario ci sono anche 3 pesci, uno Zebrasoma flavescens, uno Ctenochaetus tominiensis ed una Salarias fasciatus, ma che sono stati impossibili da fotografare.

Che altro dire… la vasca è splendida, le luci, complici forse le rocce ancora bianche ed il muro posteriore bianco accecano, e sono sicuro che fra qualche mese, quando i coralli saranno cresciuti, quando le rocce si saranno colorate, sarà una magnifica vasca.

Complimenti PINO!

When we went to Cervia for Magna Romagna, we went also to Pino’s house to see his recent purchase, an Elos System 120XL that has ended its maturation from some weeks.

The tank is truly wonderful 🙂

The Elos 120XL has the dimension of 120x80x50 cm, and for us is like seeing 3 aquarium in one, and the height reduced to 50 cm donates to aquarium a wonderful wide aquascape that I love particularly.

The rest of equipment comprises:
Skimmer NS1000, pump Eheim 1260, Light Aquaplanet II 2×250 HQi + 4x39w T5 Elos, 2 Tunze Stream 6100 with multicontroller, Biotopus II, and Pino is waiting for calcium reactor REA120 plus.

The live Rocks are from Reeflab like some corals you see on pics, some other from my tank, above all my beautiful Acropora nobilis.

You can see on picture above Pino aside his tank very satisfied, because after only 2 weeks of full light his tank has no trace of nitrates and phosphates.

In aquarium there are also 3 fishes, a Zebrasoma flavescens, a Ctenochaetus tominiensis and a Salarias fasciatus, but it was been impossible to photograph them.

The tank is wonderful, and also the HQi are very impressive, maybe because the rocks are still whites, and please, I’m sure that when corals will grow, when the rocks will be colored, it’ll be a very magnificent tank!

Good job Pino!

 

La giusta temperatura in acquario – the right temperature in aquarium


For English version please click here

Ultimamente mi stavo chiedendo quale fosse la miglior temperatura in acquario… con tutte le considerazioni che questo comporta.

Io sono solito, diciamo così, tenere la temperatura fra i 25,5 gradi ed i 27,5 gradi, aiutandomi con la gestione tramite Aquatronica e/o Limulus.

Leggendo il bellissimo libro di Bornemann “Aquarium Corals”, trovo però che la media della temperatura in natura sia di 28°C. E che viaggia da un minimo di 21°C ad un massimo invalicabile di 30°C.
Così ho cominciato a farmi qualche domanda.

Innanzi tutto aumentando la temperatura in acquario otteniamo di diminuire il contenuto di Ossigeno disciolto, e questo è male, inoltre aumentiamo il metabolismo degli animali, ottenendo (in teoria) animali più attivi e colori più sgargianti.
Inoltre tenendo una temperatura, diciamo medio-alta, abbiamo meno problemi estivi, nel senso che i nostri animali sopporteranno molto maggiormente le temperature estive più alte. Io ho due ventole tangenziali che mi aiutano a tenere più bassa la tamperatura, ma ovviamente una cosa è tenere l’acquario a 27,5°C ed un’altra è tenerlo a 28,5°C.
Inoltre la crescita dei coralli aumenta a temperature elevate.

Certo avere una temperatura alta vuole anche dire avere qualche problema di ambientamento nel momento in cui dobbiamo inserire animali che siano abituati a temperatura ben più basse, rischiando di avere un recesso di tessuti come descrive sempre Bornemann nel suo libro

Analizziamo invece come si comporta il nostro acquario con temperatura più basse, attorno ai 26°C costanti.
In questo caso aumenta la concentrazione di ossigeno disciolto, si rischiano, forse, meno bruciature degli animali e si limita l’evaporazione invernale, ma si aumenta quella estiva. Siamo comunque lontano dalle medie rilevate in natura (senza considerare che la temperatura si sta cmq alzando in questi ultimi anni…), anche se temperature basse vogliono anche significare una minor crescita algale.

Quindi quale potrebbe essere la temperatura ideale da mantenere in acquario? Quanti gradi di differenza fra giorno e notte?
Io ho intenzione di portare, con calma, la temperatura del mio acquario ad oscillare fra i 26°C ed i 28°C, aumentando quindi di 0,5°C.

Certo con un computer collegato all’acquario ci si potrebbe spingere oltre… cercando di far ottenere all’acquario il massimo della temperatura con la metà del fotoperiodo in modo da simulare il mezzogiorno, ed ancora collegare le HQi allo stesso computer e spegnere le HQi nel momento in cui si misuri in acquario una temperatura di 29°C dovuta ad un qualsiasi malfunzionamento dei dispositivi di raffreddamento. Analogo discorso lo si può fare con le T5 sebbene queste riscaldino meno delle HQi.

A questo proposito sarei curioso di provare il Biotopus della Elos, dato che in memoria ha tutta una serie di biotopi e che quindi dovrebbe aiutarci nella ricerca della temperatura perfetta.

E comunque alla fine però i dubbi rimangono… Bornemann suggerisce un intervallo di 27/29°C…

E voi?

Lately I’m asking myself which was the better temperature in Aquarium… with all the considerations that involves. I am usual to hold the temperature between the 25,5 degrees and the 27,5 degrees, helped through Aquatronica and/or Limulus aquarium computer.

Reading the beautiful book of Bornemann “Aquarium Corals”, I discover the average of temperatures in nature is of 28°C. From a minimum of 21°C to a invalicabile maximum of 30°C. Therefore I have begun to ask some questions to me.

In the first place if we increase temperature in aquarium we diminish the total oxygen content, and this is bad, moreover we increase the metabolism of animals, obtaining (in theory) more active animals and more bright colors.

Moreover if we hold an almost high temperature (28°?), we’ll have little problems on summer, because our animals are used to sense high temperatures, and they’ll suffer less for increasing temperature. When I had HQi on my tank I had two tangential impellers that helped me to hold low tamperature, but obviously is different to hold aquarium to 27,5°C or to 28,5°C. Anyway increasing temperature will result in more corals growth.

In same way, if we maintain high temperature we’ll have great trouble when we insert other animals, coming from low temp aquarium, and we’ll risk to have a tissue recess as it describes always Bornemann in his book.

And what if we analyze aquarium with lower temp, i.e. 25,5° (my actual temperature 🙂 )?

In this case it increases the total oxygen dissolved, winter evaporation is limited, but summer one is increased. We are however far away from averages found in nature (without to consider that the temp is raising in recent years…), and if temp is maintained low we may easily control the algae growth.

Therefore which it could be ideal temp to maintain in aquarium? How many degrees of difference between day and night?

I have intention to carry, with calm, temp of my aquarium to oscillate between 26°C and the 28°C, increasing therefore of 0,5°C.

Sure with a computer connected to the aquarium we could push beyond this idea…

We could try to achieve maximum of day temp with half of our illuminating day to simulate noon, and still to connect our light to the same computer and to light off some HQi if the aquarium temp will be off safe temp, like 29°, due to a whichever malfunctioning of the cooling devices. Analogous speech can be made with the T5 although these heat less of the HQi.

To this purpose I would be curious to try the Biotopus II of the Elos, since it has in memory a series of biotopi and that therefore it would have to help us in the search of the perfect temperature.

And however at the end we have doubts. Bornemann suggests an interval of 27/29°C…

And you?


Tds ed acqua di osmosi – Tds and RO water


Una delle cose a cui si da minor importanza in acquariofilia è incredibilmente l’acqua. Parlando infatti con tanta gente che possiede degli acquari sono in pochi quelli che dedicano anche solo una minima parte del loro tempo alla corretta manutenzione dell’impianto di osmosi. L’impianto di osmosi è in genere composto da una membrana osmotica, che grazie ad un processo per osmosi inversa crea acqua solitamente purificata fra il 95 ed il 98% ed almeno un filtro per sedimenti.

Gli impianti migliori però hanno ben più di due stadi e possono arrivare fino a 6 o 7, il tutto in funzione della qualità dell’acqua di partenza. Solitamente ai due stadi nominati sopra si aggiunge un filtro a carboni attivi e in caso di presenza di silicati anche di un filtro caricato a resine antisilicati.

Continue Reading

La vasca di Simone Sandonati “Birrohgt” – the tank of


A dicembre ho avuto la fortuna di fotografare la vasca di Simone, conosciuto sui forum con il nick di Birrohgt, che è poi anche diventata una vasca del mese di acquaportal, come potete vedere qui.

Vasca di Simone Sandonati Birrohgt

La vasca misura 120x50x55 con una gestione semplice, plafoniera autocostruita con t5 sulla falsa riga della famosa plafoniera ati powermodul, i tubi utilizzati sono 5 aquablu spezial, 1 pro colo e 2 actinic plus, reattore di calcio e schiumatoio sono di LGM acquari, e la vasca è assolutamente strepitosa!

Qua tutte le foto della sua vasca:

Vasca di Simone Sandonati Birrohgt

Qua le foto dei pesci sullo sfondo della sua splendida vasca:

ed infine le foto della sua sump

Complimenti Simone!

In december I went to Simone Sandonati’s home, and I see his wonderful tank! Amazing!

His tank were also chosen to be the tank of the month for Acquaportal Forum!

His equipment is based on “do it yourselves” T5’s lamp, with ati tubes, skimmer and calcium reactor by LGM Acquari.

Above you can see the pics about tank, fishes and sump.

Great!

La vasca di Andrea Negusanti “ANDREANEGU” – The tank of


Ieri con gli amici siamo andati alla terza cena del Magna Romagna, e per questa volta ci siamo fatti attrarre dalle caratteristiche marchigiane, e siamo andate a cena alla Locanda da Ciacci a Gallo di Petriano.

Partendo qualche ora prima però io, Maurizio e Giorgio abbiamo avuto l’onore di far visita ad Andrea Negusanti ed alla sua bellissima vasca in quel di Novilara, e successivamente anche alla vasca di Mirco Buccarini in quel di Gallo di Petriano, praticamente sopra la locanda, ma della vasca di Mirco ne parlerò quando andrò a farci le foto, visto che ieri alla fine mi sono dimenticato di farle.

Andrea davanti alla sua vasca

Qui sopra potete vedere Andrea che mostra fiero la sua splendida vasca!

Le misure sono 120x50x55h ed è piena di rocce e coralli, alcuni coralli sono reduci dalla vecchia vasca e sono enormi, altri sono di recente acquisizione, ma l’insieme è armonioso e ben distribuito.

Poi aprendo il mobile si rimane senza parole, una distribuzione degli spazi, una pulizia ed un ordine… a me sconosciuti 🙂 anche delle mangrovie in sump 😉 lo schiumatoio è un Grotech HEA150, il reattore di calcio un Aquamedic, e come cibo ai coralli sta dosando Elos SVC, Pro Skimmer ed Omega.

Vista laterale della vasca

Spettacolare, i colori sono favolosi, la vasca è in salute pazzesca, veramente una vasca bellissima, e poi le foto parlano da sole 🙂

Vista frontale della vasca

e poi la plafoniera… uno spettacolo… rifatta su schema ati, ha una scocca forse più bella della ati stessa, e le ventole illuminate sono silenziose ed efficaci… e comunque lascio la parola ad Andrea, se vuole commentare e spiegare i segreti di una vasca così stupenda.

I pesci sono un degno complemente di una vasca simile, a cominciare da uno stupendo Zebrasoma veliferum, peccato sia sacrificato in una vasca così piccola ed infatti le scaramucce con l’hepatus sono frequenti anche se non troppo cruente. I Centropyge ospitati sono addirittura tre, un loriculus, un bicolor ed un acanthops e non hanno problemi di sorta, poi ci sono Pseudoanthias squamipinnis, i Chromis viridis, Nematelotris, Gobiodon etc etc

Peccato solo per la presenza della solita peste Myrionema amboeniensis di cui continuiamo a cercare una valida arma con cui combatterla.

Grazie ad Andrea quindi di averci mostrato questo spettacolo della natura!

Infine una nota alle foto, scattate con la mia solita attrezzatura, sono state visionate e corrette su un monitor calibrato, ed addirittura desaturate. Se vi sembrano troppo sature o con colori palesemente assurdi vi consiglio di far calibrare il monitor.