ARTICOLI

Vasca Serbatoio Ultra Reef – Vessel Tank UVT 005 – Recensione


2016_02 Vessel tank UltraReef UVT-00501

Abbiamo visto le cosiddette vasche serbatoio UltraReef durante il PetsFestival 2015 (qui il nostro editoriale) e ci sono piaciute molto anche per una idea che avevo in testa.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

In verità di vasca serbatoio ne esiste un solo modello da 5 litri, che è quella ritratta in foto, costruita interamente in acrilico e PVC bianco, con tappo di chiusura, fondo conico e con asta di pescaggio dal fondo.

Questa vasca serbatoio, come tutti i prodotti simili può avere molteplici usi, tra cui si annoverano quelli per la gestione delle integrazioni del metodo Balling, se non sai cosa sia il metodo Balling leggi il nostro articolo di approfondimento, per allevamento di fitoplancton o di zooplancton. Io però avevo un’altra idea, come ho scritto precedentemente, in quanto avevo intenzione di usare uno strumento simile per la somministrazione di kalkwasser in acquario, e questa vasca serbatoio è capitata al momento giusto.

Nei prossimi giorni faremo un approfondimento sulle motivazioni dell’aggiunta di acqua calcarea, ma in breve diciamo che è un ottimo modo per fornire un po’ di calcio biodisponibile in acquario, ma soprattutto per alzare notevolmente il pH, e, che io sappia, è praticamente l’unico metodo sicuro per farlo. Abbinandolo al reattore di calcio, secondo me, otteniamo una combinazione perfetta per la gestione di un acquario marino di SPS.

Specifiche Tecniche della Vasca Serbatoio UVT 005

  • Diametro della base: 14 cm
  • Altezza: 46 cm
  • Capacità totale: 5 litri

Ovviamente non sono fornite pompe, in quanto un oggetto di questo tipo si sposa meglio accoppiato con una pompa dosometrica che estrae l’acqua dalla base del cilindro tramite l’asta di pescaggio.

2016_02 Vessel tank UltraReef UVT-00508 particolare John Guest

Qui si può vedere l’aggancio rapido John Guest che permette l’inserimento dell’acqua, di una integrazione o di aria, dalla base del cilindro in base all’uso della vasca serbatoio. Io non l’ho mai usato per la differente finalità d’uso.

2016_02 Vessel tank UltraReef UVT-00505 particolare tappo di chiusura

Qui si può apprezzare il tappo di chiusura in PVC bianco sagomato per andare a chiudere il cilindro superiormente ed il foro centrale per l’asta di pescaggio.

2016_02 Vessel tank UltraReef UVT-00509 particolare scala graduata

Qui vediamo invece l’adesivo che mostra in maniera pratica e molto ben visibile la capacità residua della vasca serbatoio, davvero molto ben fatto.

Come abbiamo detto il nostro utilizzo prevede l’inserimento di un cucchiaino di idrossido di calcio, e poi acqua di osmosi fino a riempire il serbatoio cilindrico. Normalmente si utilizzerebbe una piccola tanichetta che verrebbe agitata per mandare in soluzione l’idrossido. Io invece semplicemente lascio fare all’azione dell’acqua che cade dalla tanica al cilindro il lavoro sporco, anche misurandone il pH ho visto che non è poi così necessario fare di più, anche considerando che nelle mie condizioni riesco a svuotare la vasca serbatoio di 5 litri in soli due giorni circa, almeno nei mesi appena trascorsi di febbraio e marzo, attualmente pare infatti che l’evaporazione si sia rallentata a causa dell’innalzamento della temperatura.

Ultra Reef Vessel Tank con Kalk Wasser

Ultra Reef Vessel Tank con Kalk Wasser

Una pompa dosometrica aqua1 (qui la nostra recensione), si occupa di inviare in acquario la quantità di 100ml ogni ora, per un totale di 2,4 litri al giorno di soluzione. Questo numero può sembrare enorme in effetti, ma ho verificato che riesce a mantenere l’acquario sulla soglia del pH 8,50. In caso di superamento di questo limite il controller toglie alimentazione alla pompa dosatrice.

Pompe Dosometriche Aqua1- Display

Pompa Dosatrice Aqua1

Il mio uso può essere un po’ sui generis, ma ovviamente queste vasche serbatoio sono perfette per l’utilizzo del metodo Balling, utilizzandone tre accoppiate con tre pompe dosatrici.

Sono bellissimi da vedere, con una costruzione molto sopra la media, pratici ed occupano poco spazio. Probabilmente nell’ottica della minor occupazione sarebbe ancora meglio se fossero a pianta quadrata o rettangolare, ma non mi risulta ne esistano, anche perché nel caso la costruzione dovrebbe essere ad incollaggio, mentre questa costruzione ottenuta con lo stampo è molto più sicura.

2016_02 Vessel tank UltraReef UVT-00504

Conclusioni

La vasca serbatoio UltraReef UVT – 005 è un semplicissimo serbatoio cilindrico con ingresso ed uscita, estremamente elegante e molto trasparente, e l’acrilico si pulisce con molta semplicità, semplice e curato nella costruzione, con alcune finezze come la base conica per raccogliere tutta la soluzione e non lasciare delle eventuali tracce di soluzione sul fondo. Ottimo per il balling, per cui probabilmente è stato pensato, ma buono anche per allevamento di zooplancton e fitoplancton, e, a mio modesto avviso, anche per la somministrazione di kalkwasser o acqua calcarea. Venduta a 90 euro è un prezzo equo vista la costruzione ed i materiali impiegati, per qualcuno che voglia qualcosa di più che una brutta tanichetta in plastica.

PRO

ico.piu.png Costruzione impeccabile
ico.piu.png Scala graduata
ico.piu.png Base conica
CONTRO

ico.meno Nulla da rilevare

Vasca Serbatoio Ultra Reef Vessel Tank UVT-005

Qualità Costruttiva 4hstar
Qualità
Rapporto Qualità Prezzo
Final Thoughts

La vasca serbatoio UltraReef UVT 005 è un ottimo acquisto, di squisita fattura, è una soluzione elegante per la somministrazione delle integrazioni balling, allevamento fitoplancton, zooplancton oppure la somministrazione di kalkwasser.

Overall Score 4

3 commenti on Vasca Serbatoio Ultra Reef – Vessel Tank UVT 005 – Recensione

  1. HkK.2003

    KalkWasser, questa sconosciuta. Mi ha sempre attirato ma nel contempo spaventato, ma leggendo questo articolo, sembra tutto facile. Oltretutto la tua gestione va contro ai miti sulla KW che girano in rete.
    Per l’esattezza, sulla KW di legge:
    * Va dosata goccia a goccia durante la notte mentre a leggere quì, tu la dosi durante tutto il giorno;
    * Non bisogna dosare il sedimento mentre invece pescando dal basso doserai quasi esclusivamente il sedimento;

    Utilizzare un controller per PH ed una pompa dosometrica aumenta nettamente i costi di esercizio rispetto ad un reattore più “semplice” che collegato al rabbocco automatico dosa per troppo pieno.
    Mi chiedo se la consapevolezza giustifichi questo costo aggiuntivo.

    Attendo incuriosito l’articolo di approfondimento.

    • In attesa dell’articolo sulla KW, ti rispondo velocemente anche qui.
      Ho cominciato a dosare la KW in questo modo perché dovevo tenere il pH a 8,50, sono partito goccia a goccia arrivando poi a 2,4 litri al giorno, dosati 100 ml ogni ora, ed anche con questo dosaggio monstre non sempre riuscivo ad arrivare al limite. Ovviamente non tutti hanno l’esigenza di mantenere il pH così alto, e quindi è possibile dosarlo solo di notte in modo da tenere il pH costante tutto il giorno e più alto durante la notte. Però anche dosandolo in dosi massicce, nel limite dello 0,5% giornaliero, non si dovrebbe mai arrivare a pH impossibili da sostenere per l’acquario. In ogni caso dopo oltre 4 mesi non ho avuto nessun decesso ed il pH è alto.
      Il sedimento si forma se si sovradosa l’idrossido di calcio, tanto che la soluzione sarà sovrasatura e ci sarà del sedimento. Se si mantenesse un dosaggio diciamo giusto, o vicino al limite, 2 grammi per litro circa, si avrà un pH altissimo per i nostri fini, e un sedimento ridotto o nullo.
      Una volta usavo la kalkwasser con un reattore autocostruito, dal mitico Ik2vov, che prendeva l’acqua dal rabbocco e funzionava solo di notte, ma a quel punto è necessario un filtro, perché dovrebbe essere necessariamente in pressione, altrimenti non avresti la miscelazione. In verità il computer è utile ma non indispensabile, basta la dosometrica, dal costo piuttosto contenuto, per dosare solo KW, e basta verificare con un misuratore di pH o con un test sul pH, che il valore a fine giornata non sia troppo alto.

      Spero di essere stato abbastanza chiaro, altrimenti chiedi pure.

      • HkK.2003

        Tutto abbastanza chiaro, non servendomi un PH particolarmente alto, e non possedendo un controller PH automatico, potrei semplicemente mettere un timer alla dosometrica in modo che si azioni sono durante la fase notturna del fotoperiodo.
        Magari è la volta buona che darò uno scopo a quel barattolo di Idrossido di calcio acquistato 2 anni fa 😉

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.