NEWS

Ampullaria, la lumaca “vietata”


La Pomacea Cuprina, più comunemente chiamata Ampullaria, è un pacifico gasteropode d’acqua dolce di discrete dimensioni e dalle molteplici varietà cromatiche, conosciute come “gold” o “purple”. È un invertebrato prevalentemente vegetariano ma non disdegna gli avanzi di cibo o qualche “cadavere” trovato sul fondo dell’acquario.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Ebbene questa lumaca da acquario è stata liberata in Spagna nel fiume Ebro da un qualche genio che credendosi un allevatore o non so cosa ha dato il via ad un possibile disastro ambientale. L’Ampullaria si è adattata tranquillamente al nuovo habitat proliferando e creando un notevole squilibrio biologico mettendo a rischio la flora locale. Proprio come accade in tutto il mondo quando vengono liberati animali allevati in cattività ma appartenenti a tutt’altro habitat. Ricordiamo i Piranha pescati nel Po’, ma anche le fameliche Trachemys scripta meglio conosciute come tartaruga dalle guance rosse o gialle originarie dell’America che a causa degli abbandoni sono ormai diffuse in tutta Europa.

Ho appreso la notizia del divieto di importazione e diffusione delle lumache del genere Ampullaria solo ieri, quando in negozio, a seguito di un ordine di pesci, sono stato contattato dal fornitore che mi ha comunicato il divieto della vendita di tale animale. Incuriosito sono tornato a casa ed ho ricercato notizie in merito.

Dal 1° Gennaio 2013 è vietata nell’Unione Europea la diffusione delle varie specie di Pomacea. Cliccate QUI per il provvedimento 2012/697/UE emesso in data 8 novembre 2012 e valido su tutto il territorio dell’UE.

Un altro terribile caso della stupidità umana che finisce sempre a scapito della stessa, e non solo.

Ora che “vige” questo divieto, come dovranno comportarsi allevatori, negozianti e appassionati? Staremo a vedere.

un saluto a tutti i lettori ed agli appassionati con l’augurio di un meraviglioso anno e che svolgiate un’acquariofilia consapevole.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.