ARTICOLI

Reattore di Calcio UltraReef UCS 140 – recensione


Montaggio

Il montaggio del reattore di calcio è estremamente semplice ed è praticamente impossibile sbagliarsi grazie al semplicissimo schema di funzionamento ed al praticissimo manuale che spiega anche con illustrazioni come devono essere fatti i collegamenti.

Il reattore UltraReef UCS 140 è ovviamente a tenuta stagna, per cui può essere impiegato sia esternamente che internamente alla sump. Nel caso in cui voleste utilizzarlo esternamente vi consiglio di non appoggiarlo in terra ma di posizionarlo all’interno di un piccolo recipiente in plastica per scongiurare una eventuale micro perdita d’acqua o una qualche tracimazione dai vari raccordi rapidi di tipo john guest.

Le caratteristiche della pompa sono le seguenti, fra parentesi i valori misurati nella nostra prova:

  Sicce Syncra 2
Portata 2.150 l/h (1.944)
Prevalenza 2 m (2)
Consumo 32 w (31,1)
Lunghezza 123 mm
Larghezza 85 mm
Altezza 105 mm
Costo Energia Elettrica annuale 76 euro (costo energia 0,27 € a kwh)

Il materiale di riempimento preferito per questo tipo di reattore con diffusore dal basso è senza dubbio la corallina di medie dimensioni o la corallina jumbo, anche l’ARM, soprattutto quella a grana grossa, potrebbe non essere un grosso problema visto il sistema di diffusione.Per questa prova, visto che nel precedente 120 avevo utilizzato la corallina, ho voluto utilizzare l’ARM che è un po’ più problematica a mio avviso.

Sconsiglierei in ogni caso l’utilizzo di materiali molto minuti come il carbonato di calcio. Infatti in presenza di materiali molto compatti il diffusore potrebbe non riuscirebbe a garantire la stabilità del pH lungo tutta la colonna del reattore. Inoltre, e questo è forse il problema maggiore, il materiale molto fino potrebbe entrare all’interno del diffusore peggiorando la resa del reattore stesso. Problema che non si presenta invece in presenza di materiale più grossolano.

Dopo aver collegato la pompa sotto di esso e posizionato il reattore in sump si possono collegare i vari tubicini, il contabolle, la valvola di non ritorno e la bombola di CO2.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140 in sump

A seguire vediamo il passatubo con deviazione fornito da UltraReef, una finezza che apprezzo tantissimo.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: dettaglio del portatubo con deviazione

Mentre qua sotto vedete il rubinetto fornito di serie da UltraReef, il funzionamento è sempre stato impeccabile con la corallina, mentre con l’ARM trovo qualche problema in più.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: rubinetto di regolazione

Durante l’uso non si segnalano problemi di sorta, in oltre 6 mesi di utilizzo intensivo non si è mai fermato, tranne quando l’ho deciso io, ed ha sempre funzionato perfetto come un orologio, anche in presenza di blackout elettrici, veri o simulati, laddove ha ripreso la sua funzionalità al ripristinarsi della corrente elettrica senza problemi.

Sistema di rabbocco del materiale

Il caricamento del materiale avviene, come in tutti i reattori di calcio, dall’alto. Per poter procedere è necessario svitare le 6 viti in titanio (erano 8 nel precedente reattore) ed estrarre la calotta superiore, con tutti i cavi collegati. Basta essersi premuniti precedentemente di togliere l’alimentazione alla CO2, all’acqua di ricircolo ed alla pompa, per poter lavorare direttamente in sump, senza dover estrarre nulla.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: calotta superiore

Il sistema tramite viteria a me piace molto perché mi consente di poter lavorare direttamente in sump senza dover estrarre il reattore.

Volendo è possibile smontare completamente il reattore che diventa totalmente ispezionabile. In questo modo è possibile pulirlo completamente a fondo senza particolare impegno, operazione che è consigliato fare almeno una volta all’anno.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: calotta superiore in sump

Come tarare il reattore di calcio UltraReef UCS 140 manualmente

Quest’anno ho utilizzato la taratura manuale per il reattore di calcio. Taratura che si presenta estremamente semplice  La regolazione del reattore è in ogni caso estremamente semplice e deve essere fatta regolando manualmente il numero di bolle di CO2 in ingresso tramite il riduttore di pressione presente sulla bombola di CO2, bilanciandole con le gocce in uscita dal reattore tramite il rubinetto fornito in dotazione.

Io consiglio di cominciare in genere con una bolla di CO2 in ingresso ogni 2 secondi e con una goccia d’acqua al secondo in uscita dal reattore. Il costruttore consiglia invece di partire con una bolla di CO2 al secondo e uscita quasi continua di acqua. La gestione della CO2 regolerà il pH interno mentre la gestione delle gocce ne regolerà il bilanciamento totale. In pratica la CO2 in ingresso, e quindi il pH interno, mi dice quanto materiale posso sciogliere, mentre le gocce in uscita mi dicono quanto materiale sciolto andrò ad immettere in vasca. Al fine di una corretta taratura del reattore si procederà al controllo dei valori di Ca, kH e Mg prima dell’inserimento del reattore stesso, poi si procederà al montaggio ed alla sua taratura, e dopo aver atteso almeno una giornata si procederà a fare una seconda tornata di misurazioni, una in vasca ed una in uscita dal reattore, per vedere se il contenuto di Ca e di Kh sia sufficiente.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140

A questo punto si confronteranno i valori in uscita dal reattore a confronto con quelli in vasca. Per avere una ottima efficienza il reattore dovrebbe avere un Kh maggiore di 30 in uscita, quindi se alla seconda misurazione il Kh è inferiore si procederà ad aumentare le bolle di CO2 in ingresso, senza regolare le gocce in uscita. Si attenderà ancora una giornata e si eseguiranno nuovamente le misurazioni. Una volta che il Kh sarà maggiore di 30 (ma anche 35 o 40 va bene), si andrà a confrontare il valore di Ca in vasca prima del montaggio del reattore e dopo il montaggio dello stesso. Se il valore è calato si dovrà incrementare l’uscita, se il valore è identico va bene così, se il valore è aumentato troppo si potrà abbassare lievemente il numero di gocce in uscita. A questo punto si presenta un piccolo problema, in quanto variando il flusso in uscita varia anche il pH interno del reattore, in quanto con la stessa quantità di CO2 dovremo trattare una quantità maggiore o minore di acqua. Bisogna quindi variare leggermente le bolle di CO2 in accordo con l’aumento o la diminuzione del flusso. E’ necessario considerare che con il tempo i nostri coralli cresceranno ed avranno bisogno di sempre più calcio e quindi bisognerà ogni tanto ritarare il reattore. Dato che nel tempo il materiale di riempimento diminuirà all’interno della colonna di contatto, diminuirà anche la sua efficienza, quindi consiglio di tenere il reattore pieno almeno per 3/4 e di rabboccarlo spesso.

La taratura con sonda pH ed elettrovalvola

Per semplificarci il lavoro e per avere un risultato “potenzialmente” migliore è possibile utilizzare una elettrovalvola comandata da una sonda pH, da inserire all’interno della colonna di contatto. In questo modo la sonda leggerà il valore all’interno del reattore e noi potremo regolare la nostra elettrovalvola in modo che permetta l’erogazione della CO2 quando la lettura superi un certo valore. Normalmente si può iniziare con l’erogazione di CO2 al di sopra di un pH di 6.25. Le bolle in ingresso di CO2 dovrebbero avere una frequenza di circa 2 bolle al secondo, ma non oltre.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140 con il suo imballo

L’utilizzo con la sonda ha il suo maggior vantaggio nella continuità di erogazione del reattore di calcio, che quindi uscirà a valori pressoché costanti anche al diminuire del materiale, e soprattutto nell’evitare un sovra dosaggio di CO2 dovuto magari alla diminuzione del materiale stesso o a variazioni di portata da parte della pompa di alimentazione. L’unico problema è quello di procedere alla taratura costante della sonda pH che  potrebbere “stararsi” dopo poco tempo, diciamo attorno ai 40/45 giorni, valore che poi deve essere regolato sulla base della propria esperienza.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: la pompa di ricircolo

Per chi volesse poi ottenere il massimo da una perfetta regolazione del reattore di calcio, si potrebbe anche fare la seguente valutazione, indicata soprattutto per tutti quegli acquariofili che hanno problemi di alghe inferiori in vasca, che come sappiamo sono stimolate dal trovare un pH basso in acquario. L’abbassamento del pH dell’acquario dovuto all’uscita di acqua con pH basso è un fenomeno che diventa critico infatti soprattutto di notte, quindi grazie all’adozione dell’elettrovalvola e di un timer, o di un computer programmabile, si potrebbe far funzionare il reattore di calcio soltanto di giorno, bloccandone l’uscita nelle ore notturne tramite lo spegnimento della pompa esterna di alimentazione, ma lasciando in funzione la pompa di ricircolo ed il comando della CO2 da parte dell’elettrovalvola. In questo modo infatti si eviterebbe di contribuire all’abbassamento del pH notturno. L’acqua nel reattore continuerebbe ad essere mantenuta in ricircolo e la CO2 non verrebbe dosata perché controllata dall’elettrovalvola, senza quindi che vi siano problemi dovuti alla stagnazione dell’acqua nè ad un eccessivo carico di CO2 nel reattore.

Reattore di calcio ultrareef UCS 140: la pompa di ricircolo

L’articolo continua e finisce a pagina tre con le nostre conclusioni.

Final Thoughts

Il reattore di calcio UltraReef UCS 140 si è dimostrato solido, ben costruito e dal funzionamento impeccabile. Visto anche il prezzo non possiamo che consigliarlo senza riserve.

Overall Score 4.5

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.