NEWS

Takashi Amano l’acquariofilo che osservava la natura


Takashi Amano l'acquariofilo che osservava la natura

Oggi voglio parlarvi del grande Takashi Amano , il maestro che più di tutti ha influenzato il concetto di aquascaping in senso moderno. 

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Biografia

Takashi Amano nasce a Niigata il 18 luglio del 1954, sin da giovane manifesta interesse per la natura; questa sensibilità sarà fondamentale nella sua vita. Il concetto di natura è sempre presente nella vita di Takashi Amano, nasce come ciclista professionista tra il 1974 e il 1990.

Grazie al suo lavoro gira il mondo e inizia a interessarsi all’acquariofilia, la sua prima fonte di ispirazione sono stati gli acquari olandesi. L’acquario olandese si caratterizza per la grande presenza di piante, che vengono disposte secondo alcune regole ben precise:

forme delle foglie, colore, altezza. 

Un ulteriore passione di Takashi Amano era la fotografia naturalistica, dal 1976 inizia a pubblicare foto sulle piante e sui pesci tropicali che aveva fotografato durante i suoi viaggi. Takashi Amano era un grande conoscitore delle piante d’acquario e di pesci, pensate che si devono a lui alcune intuizioni come l’inserimento della Caridina japonica (non a caso è conosciuta come Caridina amano) per combattere le alghe in acquario, l’uso dei muschi in acquario, l’utilizzo dell’Akadama come substrato negli acquari con piante. Takashi Amano era anche un appassionato di bonsai , per questo conosceva bene l’Akadama; che è un terriccio che viene utilizzato dai maestri dell’arte del bonsai. Muore il 4 agosto del 2015, qui il nostro articolo in suo ricordo dopo la sua morte.

Takashi Amano l'acquariofilo che osservava la natura
Oceanario di Lisbona (qui il nostro reportage)

La creazione di ADA

Non mi sono scordato di parlare della sua grande azienda ADA, acronimo di Aqua Design Amano. L’ADA è probabilmente la più grossa e la più conosciuta azienda di acquari dolce nel mondo. La grandezza Takashi Amano sta nell’aver introdotto in acquariofilia il concetto di acquario naturale, l’ADA rispecchia in pieno questo concetto. Per Takashi Amano l’acquario non può essere slegato dalla natura, per questo motivo la natura deve essere sempre la strada maestra quando si allestisce un acquario. L’attenzione per la natura del resto la possiamo trovare nelle sue magnifiche foto naturalistiche stampate in grande formato, che ebbero successo in tutto il mondo. Il maestro era solito fare lunghe passeggiate nella natura, durante queste passeggiate traeva l’ispirazione per allestire nuovi acquari.

Takashi Amano l'acquariofilo che osservava la natura

In questa foto potete vedere uno dei capolavori di Takashi Amano, questa vasca è stata popolata successivamente con degli stupendi Pterophyllum altum, un pesce che il maestro amava particolarmente.

Conclusione

Non possiamo che ringraziare il maestro Takashi Amano per il suo lascito, peccato che ci abbia lasciato troppo presto.