Piante di Acqua Dolce

Aponogeton madagascariensis la pianta di pizzo


Aponogeton madagascariensis la pianta di pizzo

L’Aponogeton madagascariensis è sicuramente la pianta più particolare che la natura ci abbia donato e dalla foto certamente capirete il motivo della mia affermazione.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

L’Aponogeton madagascariensis è una pianta difficile da trovare in commercio e sicuramente è necessaria una grande esperienza per poterla mantenere al meglio in acquario. La difficoltà sta nell’avere una qualità dell’acqua perfetta senza detriti, quest’ultimi infatti sono il più grande nemico dell’acquariofilo che si accinge a coltivarla in acquario. Infatti se la nostra acqua ha dei detriti questi si andranno a bloccare negli spazi presenti nella foglia e porteranno quest’ultima alla morte.

Habitat

L’Aponogeton madagascariensis come ci suggerisce il nome stesso è originaria dell’Africa, più precisamente del Madagascar.

Secondo me non è un caso che questa specie sia endemica del Madagascar, infatti in questa isola africana troviamo una fauna e una flora unica al mondo. Il Madagascar infatti potrebbe essere definito l’isola degli Aponogeton, infatti oltre all’Aponogeton madagascariensis è endemico di quest’isola anche l’Aponogeton ulvaceus.

In natura la troviamo in corsi d’acqua dalla forti correnti e lo strato in cui cresce è nella maggior parte dei casi sabbia sottilissima. In natura sono state trovate nello stesso areale sia Aponogeton madagascariensis che Aponogeton ulvaceus perciò non sarebbe una cattiva idea tenerli entrambi in vasca se le dimensioni di quest’ultima ve lo concede.

L’Aponogeton madagascariensis appartiene alla famiglia delle Aponogetonaceae ed è una pianta a bulbo.

Come gestirla

Bisogna dire innanzitutto che per l’Aponogeton madagascariensis per mostrarci tutto il suo splendore ha bisogno di una vasca grande, infatti è una pianta che raggiunge un’altezza fra i 50-60 cm. Se tenuta in vasche con colonna d’acqua inferiore ai 50-60 cm le foglie tenderanno a piegarsi sulla superficie e di conseguenza avranno un aspetto ricadente.

Vi consiglio ciò anche per esperienza personale infatti nel mio acquario che misura 60x40x40 cm ho inserito un Aponogeton crispus e un Aponogeton ulvaceus, a cui devo eliminare le foglie più grandi perché altrimenti andrebbero a crearmi zone di luce bassa, letale per le altri piante che ospito. Se potessi tornare indietro non li inserirei anche se con sommo dispiacere perché gli Aponogeton sono fra le piante che preferisco in assoluto.

Per quanto riguarda il fattore illuminazione non è eccessivamente esigente, però non può nemmeno vivere con luce eccessivamente bassa. Diciamo che il rapporto fra watt e litri dovrebbe essere fra 0,5 e 0,7. Chiaramente se la teniamo con un rapporto di watt e litri superiore la pianta risponderà sicuramente bene.

Con l’Aponogeton madagascariensis non si può parlare di potatura, infatti gli steli possono solo essere eliminati dalla base. Vi consiglio di reciderli solo quando lo stelo sia arrivato a fine ciclo vegetativo o di eliminarlo prima del tempo solo se la pianta sia perfettamente in salute.

Posizione in acquario

Visto le importanti dimensioni che raggiunge, è una pianta ideale da posizionare a sfondo acquario.

Aponogeton madagascariensis la pianta di pizzo

Chiaramente nel posizionare una pianta dobbiamo tenere conto della dimensione della vasca, in caso di vasche grandi (per vasche grandi intendo acquari da 120x60x60 o 150x60x60) potremo inserirla anche a centro vasca. Io comunque vi sconsiglio di posizionarla in primo piano.

Conclusioni

L’Aponogeton madagascariensis rientra in quelle meraviglie della natura che abbiamo la possibilità di ospitare nel nostro acquario, perché dovremmo negarci una possibilità del genere? A me personalmente piacerebbe allestire un bel simil-biotopo africano con vari Aponogeton e un banco di Phenacogrammus interruptus.