NEWS

A Tavolara si ripiantano le gorgonie danneggiate da temperatura e CO2


A Tavolara si contrasta l'acidificazione dell'acqua ripiantando gorgonie

Il cambiamento di acidità e l’aumento di temperatura del mare stanno mettendo a rischio gli animali che ci vivono, a Tavolara hanno dovuto cominciare a ripiantare Gorgonie per contrastare il fenomeno.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Noi sappiamo che gli oceani producono la metà dell’ossigeno che respiriamo ed assorbono un quarto della CO2 che produciamo. Negli ultimi 200 anni si stima che l’acidificazione degli oceani sia aumentata del 26% a causa proprio dell’aumento della CO2 nell’aria. Una cosa di cui in pratica nessuno parla, perdendosi soprattutto sugli effetti dell’anidride carbonica in atmosfera, senza considerare quello che succede nel mare.

Gli inglesi lo chiamo “The Other CO2 problem“.

In pratica gli oceani assorbono il 25% dell’anidride carbonica, assorbono il 90% del calore e producono il 50% dell’ossigeno. Tutto questo però non viene a noi gratuitamente, ma l’oceano si sta lentamente acidificando, abbassando il proprio pH. Effetto che l’aumento di temperatura non fa altro che peggiorare. In questo modo i coralli, le conchiglie, i crostacei, e finanche il plancton, fanno più fatica a costruire il proprio guscio o il proprio scheletro calcareo. Ma questo poi, a lungo termine, avrà ripercussioni sulla capacità di assorbire CO2 e di fornire ossigeno.

E questo perché il cambiamento di acidità sta aumentando, secondo gli studiosi, a ritmo vertiginoso.

Il problema e la soluzione a Tavolara

Il fenomeno c’è anche in Italia. In Sardegna, a Tavolara, nella secca del Papa, le gorgonie stanno morendo a causa dell’aumento della temperatura del mare legata al cambiamento climatico. La temperatura è arrivata a 28° a trenta metri di profondità ed assieme all’acidificazione ha provocato la morte di buona parte di questi coralli.

Gorgonia in acquario - A Tavolara si contrasta l'acidificazione dell'acqua ripiantando gorgonie

Per proteggere se stessa, l’area marina protetta di Tavolara sta portando avanti un progetto di ricollocazione delle gorgonie colpite da morie legate al climate change che vengono quindi spostate a maggiori profondità, dove grazie al termoclino la temperatura è più bassa. Le gorgonie vengono private delle loro braccia morenti per cui anche l’azione batterica diminuisce sfavorita dalle minori temperature.

Le gorgonie, oltre ad un importante ruolo ecologico, caratterizzano i fondali marini paesaggisticamente più belli e ricercati dal turismo subacqueo che nell’area di Tavolara crea un indotto sul territorio di circa 15 milioni di euro, con 10mila visitatori attratti dalle sue acque spettacolari.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.