Piante di Acqua Dolce

Microsorum pteropus la felce di Giava – una pianta facile per tutti


Il Microsorum pteropus viene conosciuto anche come felce di Giava, è sicuramente una delle piante più iconiche e maggiormente utilizzate negli acquari di tutto il mondo.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il Microsorum pteropus appartiene alla macro categoria delle piante epifite, ovvero le piante che non hanno bisogno di essere interrate nel fondo. Ho scritto un articolo sulle piante epifite qualche mese fa, se non lo avete letto vi invito a farlo adesso (qui).

Uno dei suoi punti di forza è la sua versatilità che la rende adatta ai principianti ed inoltre può vivere sia con luce intensa che con luce soffusa. Consiglio di inserirla in allestimenti spinti solo se siete esperti, se volete vedere qualche testimonianza di quello che vi dico basta vedere dei video dell’aquascaper inglese George Farmer che possiede un canale YouTube. In un’intervista rilasciata poca tempo fa George ha dichiarato che i Microsorum sono le sue piante d’acquario preferite.

Habitat:

Il Microsorum pteropus è una pianta originaria del sud-est asiatico, è presente in paesi come: Sri Lanka, Indonesia, Thailandia. Proviene da un clima tropicale, nel sud-est asiatico si alternano periodi di piena e di secca dei fiumi.

Nel periodo di secca questa pianta vive parzialmente coperta dall’acqua su tronchi o radici, nei periodi di piena dovuti ai monsoni la felce di Giava è completamente sommersa dall’acqua. Oltre al discorso delle varie condizioni di vita della pianta, è interessante osservare che durante i monsoni cambiano anche i valori dell’acqua rispetto alle stagioni di secca. Questo è un fattore che ci viene in aiuto quando abbiamo questa magnifica pianta in vasca, perché riesce a vivere con valori diversi dell’acqua. Il fatto che sia resistente come pianta non vuol dire che non abbia dei range di temperatura o di valori dell’acqua con i quali viva meglio, vi indicherò infatti dei valori indicativi:

  • Temperatura 19-30 gradi, ph 5,5-8 , Durezza 3-18 .

Posizione in acquario:

La posizione in acquario è un elemento che dobbiamo valutare prima di inserire il Microsorum pteropus.

Dobbiamo valutare innanzitutto le dimensioni reali della pianta, per dimensioni reali della pianta intendo le dimensioni che quest’ultima può raggiungere. Parliamo infatti di 30 cm di altezza mediamente, ci sono casi di piante cresciute fino a 50cm e della larghezza che varia da 20 a 40 cm.

Dovremo valutare anche le dimensioni della vasca che andrà ad ospitare la felce di Giava, infatti se avessimo una vasca lunga 60 cm l’unica posizione in cui potremmo inserire la felce di Giava sarà il fondo. Se invece avessimo una vasca lunga 120-150 cm potremmo posizionare il Microsorum pteropus a centro vasca.

Quindi fate molta attenzione a questi fattori.

Come dobbiamo gestirlo:

Innanzitutto dobbiamo evitare di piantarla nel fondo, il rizoma della pianta deve rimanere scoperto altrimenti la pianta marcirà inesorabilmente. Questa è una caratteristica di tutte le piante epifite, dobbiamo comportarci in questo modo anche con le Anubias e con le Bucephalandra.

Come ho scritto sopra bisogna cercare di esporlo eccessivamente alla luce diretta se non si è esperti, altrimenti ritroveremo la nostra felce di Giava coperta da alghe filamentose. L’ideale sarebbe schermare la luce con delle piante galleggianti, in modo da riparare il Microsorum pteropus dalla luce eccessiva.

Bisogna inoltre stare attenti quando si pota la pianta, infatti mi è capitato nel corso degli anni in vari forum di neofiti che chiedevano di come si dovesse potare il Microsorum pteropus. La risposta è semplice bisogna tagliare un pezzo di rizoma, tagliandone un pezzo si verrà a formare una nuova piantina, quindi non bisogna mai potare le foglie che altrimenti marcirebbero. C’è da dire che la felce di Giava si riproduce anche attraverso i sori, infatti i sori si trasformeranno sott’acqua in nuove piccole piantine.

In quali allestimenti si può utilizzare:

In realtà il Microsorum pteropus si può utilizzare in quasi tutti i tipi di allestimento, lo sconsiglio solamente nelle vasche di Ciclidi dei grandi laghi africani per il discorso dell’attacco algale sulla pianta.

Infatti la felce di Giava è una pianta dalla crescita lenta, quindi tende a ricoprirsi di alghe se la gestione della vasca non è perfetta o quasi. Consiglio questa pianta a chi allestisce vasche con poca luce, per esempio in vasche con Symphysodon discus (approfondisci qui) tranne se non si voglia allestire un simil-biotopo.

Lo consiglio nelle vasche con Carassius auratus, infatti il Microsorum pteropus ha un sapore sgradevolissimo per i pesci che non riescono a cibarsene.

Inoltre risulta essere un’ottima soluzione per chi allestisce una vasca salmastra.

Varietà cultivar:

Sono state selezionate nel corso degli anni in laboratorio delle varietà di Microsorum veramente interessanti come:

  • Microsorum pteropus narrow
  • Microsorum pteropus trident
  • Microsorum pteropus windelow
  • Microsorum Philippines.

Conclusione:

Il Microsorum pteropus è una pianta fantastica che viene in aiuto a tutti gli appassionati, io la consiglio voi cosa ne pensate?


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.