ARTICOLI

Philips CoralCare 2019: misurazione PAR con il nuovo metodo DaniReef


Come valutare questi numeri in acquario?

Questa è una bella domanda, nel senso che inizialmente pensavamo di poter traslare questi numeri in acquario tout-court. Poi abbiamo riempito d’acqua un acquario, abbiamo immerso la sonda ed abbiamo rifatto alcune misurazioni. La cosa ci ha spiazzato, ma ne parleremo in un prossimo articolo di approfondimento, che non mancheremo poi di linkare qui di seguito. In pratica, mentre a 20 cm il risultato è praticamente coincidente, man mano che ci si immerge, grazie ai vetri che riflettono la luce, ed all’acqua stessa che la diffonde maggiormente, si possono trovare valori anche doppi rispetto a quelli misurati in aria. Ovviamente questo non è un dettaglio che si può standardizzare, per cui crediamo che la nostra metodologia di calcolo sia la più corretta, e la migliore per comparare plafoniere diverse.

Consumo

La rilevazione del consumo istantaneo è stato reso possibile grazie all’utilizzo del comodo strumento RCE PM600 che è in grado di misurare anche il Cos(fi) (o sfasamento). Il risultato viene fornito direttamente in watt.

Philips CoralCare consumo

Il calcolo della corrente assorbita e quindi della potenza risulta essere il seguente:

Plafoniera Philips CoralCare: 190,50 watt. Considerando che a 17 cm la plafoniera sviluppa al centro 2.088 μmol m-2 s-1, si può dire, in prospettiva, che abbia un valore di picco di 10,96 μmol m-2 s-1 w-1 (PAR per watt).

Un valore coincidente con quello dichiarato di 190 w. Il cos(fi) è identico a quanto dichiarato, ovvero a 0,98.

Philips CoralCare sfasamento

Costi di Mantenimento

La Philips CoralCare costa 749 euro.

La potenza assorbita abbiamo visto essere pari a 190,5 watt, quindi un rapporto di costo/watt pari a circa  3,93 euro per ogni watt. Uno dei valori migliori che abbiamo mai registrato fino ad oggi.

La comparazione con le altre plafoniere in commercio

Da poco abbiamo cominciato ad usare il nuovo Quantum Meter MQ-510 di Apogee. Per cui i dati di comparazione fra plafoniere non sono del tutto confrontabili visto che prima utilizzavamo la sonda Seneye. Certo la CoralCare è la prima plafoniera con cui adottiamo questo metodo, per cui molte comparazioni vedranno la luce nelle prossime settimane. Per inciso abbiamo già misurato i valori della Cetus 2 (anteprima), della Aqamai LRM ed LRS. Inoltre si devono inquadrare le CoralCare soprattutto con plafoniere a luce diffusa come le  Orphek Atlantik V4 (test), che comunque rimisureremo presto con il nuovo metodo, la GNC 466 (recensione) e parzialmente con la Maxspect Ethereal. La Orhek ha fatto registrare 1.515 PAR, la GNC 696 PAR mentre l’Ethereal 689 PAR.

Ricordiamo che le misurazioni di PAR sono state effettuate a 20 cm di distanza in aria (17 cm circa di distanza reale)

PlafonieraPARWattPrezzo PAR/watteuro per watt
 GNC 466 696 (Seneye) 120 1.400 euro 5,8 diffusa 11,7
 Orphek Atlantik V4 1.515 (Apogee) 226 1.099 euro 6,7 diffusa 4,9
Philips CoralCare 2019 2.088 (Apogee) 190 749 euro 11 diffusa 3,9
 Maxspect Ethereal 689 (Seneye) 130 500 euro 5,3 semidiffusa 3,8
 Barra Led Askoll Pure Marine 237 (Apogee) 28 n.d. 8,4
 Zetlight UFO ZE-8000 791 (Seneye) 91,5 500 euro 8,6 cluster 5,5
 Aqamai LRM 1.088 (Seneye) 87,5 465 euro 12,4 doppio cluster 5,2
Philips CoralCare modello 2019 bianche

In pratica, strumenti alla mano, la Philips CoralCare 2019 registra il valore più alto mai passato sotto le nostre mani. Il miglior valore registrato di PAR per watt misurato con l’Apogee e si piazzano seconde come valore di PAR per watt globale. A livello di euro per watt sono ancora le migliori, seconde di una incollatura solo alle Maxspect Ethereal.

In ogni caso i valori di confronto con i dati rilevati da Seneye potrebbero però non essere troppo veritieri, essendo due strumenti diversi di cui uno professionale. La copertura ottimale secondo noi, per coralli SPS fortemente esigenti, è quella di un’area di 70×70 cm.

Il controller Philips per la plafoniera CoralCare può pilotare fino a quattro plafoniere e lavora con interfaccia 0-10V.
Il controller Philips per la plafoniera CoralCare può pilotare fino a quattro plafoniere e lavora con interfaccia 0-10V.

Costi di Mantenimento

Le plafoniere Philips CoralCare costano 749 dollari.

La potenza assorbita abbiamo visto essere pari a 190 watt, quindi un rapporto di costo/watt pari a circa 3,9 euro per ogni watt. Per fare un paragone con le altre plafoniere che abbiamo avuto per le mani è sufficiente far riferimento alla seguente tabella.

PlafonieraPrezzoConsumoRapporto euro per watt
Philips Coralcare 2019749 euro190 watt3,9 euro per watt.
Maxspect Ethereal500 euro126 watt4,0 euro per wattTest
Radion XR30w G2 PRO
790 euro170 watt4,7 euro per wattRecensione
Radion XR30w G4 PRO915 euro190 watt4,8 euro per wattArticolo
OceanLed Sunrise 600870 euro180 watt4,8 euro per wattTest
Orphek Atlantik V41099 euro226 watt4,9 euro per wattTest
Radion XR30w G2690 euro140 watt4,9 euro per wattRecensione
Radion XR30w G4760 euro150 watt5,1 euro per wattArticolo
Aqamai LRM
465 euro87,5 watt5,2 euro per wattTest
Zetlight UFO ZE-8000500 euro91,5 watt5,5 euro per wattTest
CEAB Slide & Led2.700 euro275 watt9,8 euro per wattRecensione
Sicce GNC 4661.592 euro120 watt13,3 euro per wattRecensione

.

La plafoniera è costruita molto bene, certo non è bellissima, per usare un eufemismo, la copertura è pressoché perfetta, e l’applicazione molto semplice, pure troppo. I PAR sono perfetti per qualsiasi corallo almeno fino a un’area di 60×60 cm, ma la copertura può arrivare tranquillamente a 80×80 cm. L’alimentatore inserito nella scocca, e l’assenza di ventole, sono un di più che non ha prezzo. Il costo per watt è il migliore di quelli misurati ed i PAR espressi sono da primato. Cos’altro chiedere?

Domande e commenti, come sempre, sono le benvenute. E soprattutto, vi piace questa metodologia di misura?


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.