NEWS

Mackflow1: a noi piacciono le pompe strane soprattutto quelle a doppia uscita


Pompa di risalita duale macflow1

Durante l’ultimo Reefapalooza ad Orlando è stata presentata una nuovissima pompa di risalita, molto diversa da quelle che siamo soliti vedere sotto i nostri acquari: la Mackflow1.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Come raccontato da ReefBuilders, si tratta di una pompa centrifuga a singolo ingresso e doppia uscita. Presente in due tagli di potenza e portata. La particolarità non è tanto quella di poter gestire due tubi di risalita diversi, ma il fatto che grazie ad una valvola sferica il flusso viene parzializzato fra i due canali creando quindi una corrente alternata.

Idealmente si dovrebbero mettere i due rientri in acquario contrapposti, in modo che, grazie alla valvola, il flusso possa creare una corrente ondosa alternata.

Mackflow1 è il primo prodotto di una nuova azienda australiana che si chiama Mack Aquarium Solution (qui il sito), e che, dobbiamo dire, si sta presentando in maniera molto particolare, ed ha scelto Reefapalooza per presentare il proprio nuovo prodotto.

Con un prodotto simile infatti si potrebbe pensare anche di fare a meno delle pompe di movimento. Magari in acquari di soli LPS o molli, ma è già un grande punto di partenza.

Pompa di risalita duale macflow1

Detta così sembrerebbe il classico uovo di Colombo, ma ovviamente non è proprio così. Per fare una cosa del genere ci sono infatti tantissime perdite di carico. Infatti i due modelli hanno un consumo di 80 e 120 watt per una portata, rispettivamente di 2.590 l/h e 4.400 l/h. Non conosciamo, attualmente, la prevalenza.

Questo significa una efficienza di 32,37 litri per watt e 36,7 lw, molto bassa se comparata ad esempio alle ultime pompe che abbiamo avuto in prova, la Rossmont Riser 3200 (recensione) infatti ha un valore 61,5 lw e la Hydor Seltz D6000 (anteprima) addirittura di 100 lw.

Pompa di risalita duale macflow1

Nonostante il problema della portata è interessante avere soluzioni simili da poter sfruttare. In fondo con l’acquisto di una coppia di pompe di movimento ci si pagherebbe il surplus di costo dell’energia elettrica per diversi anni.

La pompa si comanda tramite una comoda applicazione per smartphone che ne permette il controllo di tutti i parametri.

Cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo anche al video di presentazione della pompa da parte del produttore.