NEWS

I coralli possono sopravvivere solo grazie alla biodiversità, scopriamo il perché


Alcuni ricercatori hanno dimostrato che la biodiversità aumenta la crescita dei coralli, la sopravvivenza dei tessuti e la soppressione delle macroalghe. I coralli se isolati si indeboliscono, muoiono o crescono con strutture fragili.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

In un nuovo studio “Biodiversity enhances coral growth, tissue survivorship and suppression of macroalgae” pubblicato il 7 gennaio su Nature Ecology and Evolution dai ricercatori Cody S. Clements e Mark E. Hay, è stato dimostrato che, quando isolati dalle altre specie, i coralli si indeboliscono, muoiono o crescono con strutture fragili. Lo studio ha dimostrato che è possibile quantificare gli effetti positivi della biodiversità dei coralli e gli effetti negativi della sua assenza.

La scoperta

Nelle secche a largo delle coste del Pacifico delle Fiji, due ricercatori marini del Georgia Institute of Technology, hanno assemblato, per un nuovo studio, gruppi di coralli appartenenti tutti alla stessa specie, cioè gruppi senza diversità di specie.

Quando Cody Clements andò a controllare per la prima volta la situazione di questi coralli mono specie, i suoi occhi immediatamente gli dissero cosa i suoi dati avrebbero rivelato in seguito.

Ha dichiarato Clements: “Una delle specie aveva intere zone sbiancate, e ricoperte di alghe. Le file di coralli avevano un tessuto marrone: era un tessuto morto, altri tessuti erano diventati bianchi e stavano per morire“.

36 monoculture di coralli

Clements, un ricercatore post dottorato e primo autore dello studio, ha anche assemblato per il confronto gruppi di coralli di diversa specie, cioè gruppi con alta biodiversità.

In totale 36 monoculture e 12 policolture che comprendevano tre specie.

Alla fine dell’esperimento di 16 mesi, le monocolture erano evidentemente nello stato peggiore.

La scienza può iniziare a quantificare il contributo della biodiversità

Lo studio ha dimostrato, attraverso la crescita più sana delle policolture, che la scienza può iniziare a quantificare il contributo della biodiversità alla sopravvivenza dei coralli e gli effetti in negativo alla scomparsa della biodiversità.

Ha affermato la co autrice Mary Hay, un professore nella School of Biological Sciences della Georgia Tech: “Questo è stato un esperimento di avviamento per vedere se avremmo ottenuto un risultato iniziale, e lo abbiamo fatto. La morte di molte barriere coralline nel corso degli anni ha ridotto la varietà delle specie coralline e reso le barriere più omogenee, ma la scienza non capisce abbastanza su come la biodiversità dei coralli aiuta le barriere a sopravvivere. Vogliamo saperne di più.”

Le intuizioni dello studio potrebbero aiutare gli ecologi a ripopolare in modo corretto alcune barriere coralline. In passato, gli sforzi di reintegro hanno spesso ripopolato porzione di barriera con singole specie, che hanno avuto difficoltà a prendere piede, e i ricercatori ritengono che lo studio dovrebbe incoraggiare il reimpianto utilizzando varie specie.

Decimazione di 40 anni

La decimazione dei coralli che Hay racconta di aver visto in oltre quattro decenni di ricerche sottomarine sottolinea l’importanza di questo studio.

Ha affermato Hay: “È sconvolgente la rapidità con cui si sono abbattute le barriere coralline caraibiche: negli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 le barriere coralline erano costituite da circa il 60% di copertura di coralli vivi. La copertura del corallo è diminuita drasticamente negli anni ’90 ed è rimasta bassa, ora è al 10% circa nei Caraibi. Avevi l’abitudine di scovare diverse barriere coralline con coralli strutturalmente complessi, grandi come blocchi di città, ora la maggior parte dei reef caraibici assomiglia più a parcheggi con pochi coralli sparpagliati sparsi qua e là“.

84 per cento di perdita

Il fatto che la decimazione nel Pacifico sia meno dura è un’amara ironia. Circa la metà della copertura di coralli vivi scomparve tra i primi anni ’80 e gli inizi degli anni 2000.

Ha detto Clements: “Dal 1992 al 2010, la Grande Barriera Corallina, che è probabilmente il sistema di barriera corallina meglio gestito sulla Terra, ha perso l’84%. Tutto questo non include gli ultimi eventi di sbiancamento riportati così ampiamente dai media, e che hanno ucciso enormi strisce di barriera nel Pacifico.

L’evento di sbiancamento del 2016 ha anche danneggiato le barriere al largo delle isole Fiji, dove i ricercatori hanno condotto il loro esperimento. Le morti dei coralli sono state associate a lunghi periodi di riscaldamento oceanico, che sono diventati molto più comuni negli ultimi decenni.

Eppure, c’è speranza

Le barriere coralline del Pacifico supportano dieci volte più specie coralline delle barriere caraibiche, e il nuovo studio di Clements e Hay suggerisce che questa maggiore biodiversità potrebbe contribuire a rendere questi reef più robusti rispetto alle altre barriere coralline.

Ha detto Hay: “Una manciata di specie può essere fondamentale per la sopravvivenza di molte altre, e non sappiamo ancora abbastanza bene quali siano le più critiche: se le specie chiave scompaiono, le conseguenze potrebbero essere enormi. Il declino delle specie chiave può guidare il declino degli altri e potenzialmente creare una spirale di morte“.

864 coralli

Al largo delle coste delle Fiji, Clements ha trasportato in kayak, uno per uno, i 48 tavoli di cemento che aveva costruito a terra. Questi tavoli hanno poi ospitato gli 864 coralli.

Clements disponeva 18 coralli su ciascun ripiano del tavolo: tre gruppi di monocolture riempivano 36 tavoli (12 con la specie A, 12 con la specie B, 12 con la specie C). I restanti 12 tavoli da tavolo contenevano policolture con miscele ABC bilanciate.

Acropora millepora

Ha affermato Clements, che le policolture sembravano tutte fantastiche. Solo una specie presente nella monocoltura, l’Acropora millepora, ha avuto una buona crescita durante i 16 mesi, ma quella specie è più suscettibile alle malattie, allo sbiancamento, ai predatori e alle tempeste. Potrebbe essere scattato in anticipo nella crescita dell’esperimento, ma a lungo termine avrebbe probabilmente avuto bisogno dell’aiuto di altre specie per far fronte alla propria fragilità.

Ha dichiarato Hay: “Sia i coralli che gli esseri umani possono fare bene da soli quando il tempo è buono. Ma quando arriva il disastro, gli amici possono diventare essenziali.”

Journal reference:

Georgia Institute of Technology: “When coral species vanish, their absence can imperil surviving corals.” ScienceDaily. ScienceDaily, 23 January 2019. 


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.