NEWS

Multato imprenditore che “prelevava” acqua di mare senza autorizzazione


Multato imprenditore che “prelevava” acqua di mare senza autorizzazioneA Roseto un imprenditore è stato multato di 3000 euro per aver prelevato acqua di mare.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il 21 Luglio un imprenditore è stato sorpreso lungo la spiaggia di Roseto degli Abruzzi (provincia di Teramo, Abruzzo) mentre prelevava acqua di mare senza autorizzazione.

A trovarlo sono stati i militari dell’Ufficio circondariale marittimo di Roseto degli Abruzzi, impegnati nell’operazione “Spiagge Sicure“.

La refurtiva

Il 21 Luglio verso le 12:30 l’imprenditore da 10 metri dalla riva, attraverso un idrovora stava riempiendo con acqua di mare alcuni serbatoi all’interno del proprio camion, quando grazie alla segnalazione di un passante è stato avvicinato dai militari che hanno voluto sapere cosa stesse facendo. Non avendo le autorizzazioni necessarie per prelevare l’acqua di mare è stato multato di 3.000 euro.

Multato imprenditore che “prelevava” acqua di mare senza autorizzazione

Secondo la Capitaneria di Porto, l’imprenditore stava prelevando l’acqua di mare per utilizzarla presso la sua attività di trattamento e lavorazione del pesce. Non si esclude che precedentemente l’imprenditore si sia “rifornito” di acqua marina nella medesima modalità.

È illegale

Ebbene tutto questo ovviamente non è uno scherzo e la legge vieta espressamente il prelievo non autorizzato di acqua di mare.

Il codice della navigazione, all’articolo 1162 sanziona l’estrazione abusiva di arena o altri materiali, dispone che: “chiunque estrae arena, alghe, ghiaia o altri materiali nell’ambito del demanio marittimo o del mare territoriale ovvero delle zone portuali della navigazione interna, senza la concessione prescritta è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da un minimo di tremila euro a un massimo di 18 mila euro”.

Numerose ordinanze regionali poi, vietano categoricamente di detenere, vendere, prelevare, trasportare, e soprattutto, utilizzare l’acqua di mare a fini alimentari.

Conclusioni

Quindi se stavate già progettando un acquario marino mediterraneo e avevate in mente di prelevare acqua di mare per fare i cambi della vostra vasca, beh vi consigliamo di ripensarci. Ovviamente si scherza, in questi casi dovrebbe vigere sempre il buon senso, un bambino che si riporta un secchiello con dell’acqua, un anziana che si riempie due bottiglie di acqua di mare e un acquariofilo che si riempie una tanica di 10 litri non dovrebbero rischiare nulla, anche se teoricamente sono situazione comunque da legge sanzionabili.

Cosa ne pensate? Conoscete direttamente o indirettamente situazioni analoghe?