NEWS

Video: un misterioso calamaro vampiro ripreso per la prima volta in Messico


Ripreso per la prima volta negli abissi del Golfo del Messico un insolito calamaro mai visto prima.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

L’insolito calamaro è stato ripreso il 17 aprile dall’equipaggio della nave NOAA Okeanos Explorer durante un viaggio scientifico volto allo studio di un’area oceanica mai esplorata prima. La missione ha condotto sia ricerche scientifiche che immagini di habitat di acque profonde nel Golfo del Messico occidentale che probabilmente non si trovano da nessun’altra parte.

La NOAA ha affermato:  “L’immersione 04 ha preso di mira con sommergibili per acque profonde un tumulo senza nome in East Breaks (EB) 1009, un’area del Golfo del Messico che non era mai stata esplorata prima. L’immersione più recente al sito è stata una singola indagine del 2009, nella quale il veicolo subacqueo autonomo Sentry condusse osservazioni in una zona ad oltre 12 chilometri a nord“.

Ha detto la biologa esperta di calamari Sarah McAnulty, studentessa Ph.D. presso la University of Connecticut : “Ci sono un sacco di polpi che se stanno sul fondale. Questo ha più l’aspetto di un calamaro vampiro, ma con una forma del corpo assolutamente bizzarra. Per come nuota sembra quasi un nautilus“.

Video:

 

Il biologo della NOAA Mike Vecchione, un esperto di calamari ha affermato: “La mia prima reazione è stata: e quello che diavolo è?. Non assomigliava a nessun calamaro che avessi mai visto fino a quando non ci siamo avvicinati e l’animale ha ruotato su se stesso“.

L’identità è un mistero

L’identità del calamaro è ancora un mistero. Alcuni suggeriscono che appartiene a Discoteuthis in quanto il suo corpo e la sua forma sono in qualche modo simili ai calamari di questo genere.

Ha detto Vecchione: “Ogni volta che incappiamo nella Discoteuthis discus è veramente difficile stabilire di che specie si tratti. Non ne ho mai visto uno intero o in buone condizioni. Se si tratta di una Discoteuthis discus allora è la prima volta che qualcuno riesce a vederne uno vivo“.

Ma esiste la possibilità che possa essere una specie completamente nuova. Il calamaro è stato scoperto alla profondità di circa 850 metri. Quando la creatura è stata osservata, si è subito ripiegata verso l’interno in modo molto drammatico e le sue “braccia” erano piegate come in una posizione difensiva.

Dice  Vecchione: “Questo comportamento è davvero estremo. Un paio di braccia era ripiegate piatte sul dorso e un altra sul ventre, mentre un altra ancora era distesa sui fianchi”. Probabilmente è il calamaro più bizzarro che abbia mai visto.

Conclude Vecchione: “Nel nostro pianeta la maggior parte dello spazio vitale è collocato nelle profondità marine e noi sappiamo molto, molto poco di ciò che vive laggiù. Ogni volta che scendiamo a dare un’occhiata scopriamo qualcosa di nuovo“.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.