NEWS

Una famiglia, ed il loro cane, quasi morti a causa della palitossina


Palythoa in acquario marinoApprendiamo da poche ore di un nuovo grave caso di intossicazione da palitossina avvenuto negli Stati Uniti e ritwittato dal solito ReefBuilders.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il protagonista è Mark Strachan, acquariofilo di lungo corso, che ci spiega così il succedersi degli eventi. E devo dire che la cosa è davvero assurda.

Mark ha voluto fare un acquario per la figlia di 9 anni, e per farlo ha acquistato delle rocce morte, o meglio delle rocce che erano state usate anni prima da un altro acquariofilo per il proprio acquario marino. Ripeto, usate anni prima, e acquistate asciutte.

Queste rocce sono state inserite in acquario, è stata inserita l’acqua e poi è stato utilizzato un sale anidro. Come sapete il contatto fra sale anidro e acqua sviluppa calore.

rocce vive per acquari mariniE probabilmente il calore ha riattivato, evidentemente, delle tossine che erano presenti sulle rocce da lungo lungo tempo. Già il pomeriggio Mark aveva la tosse che ha pensato derivasse dall’influenza. Allo stesso modo la moglie ha avuto un attacco di quello che pensava fosse asma, essendone lei affetta.

Il giorno dopo Mark ha attaccato lo schiumatoio, che, altrettanto evidentemente deve aver mandato in aerosol le tossine che erano in acqua. Poi Mark è andato al lavoro e la sua tosse è peggiorata. Tornato a casa ha constatato che la stessa moglie era in preda ad un forte attacco di asma. La figlia aveva una gran tosse, e pensando ad un attacco influenzale il giorno seguente sono stati tutti a casa dal lavoro e da scuola.

Anche il cane mostra segni di intossicazione

La mattina dopo il loro cane, un labrador, vomitava e faceva fatica a respirare ed a reggersi in piedi.

Subodorando qualcosa Mark ha fatto uscire tutti da casa ed ha chiamato soccorsi.

Foto d'archivio per un caso successo in Australia di intossicazione da palitossina

Foto d’archivio per un caso successo in Australia di intossicazione da palitossina e che potete rileggere qui

Il cane è stato portato dal veterinario, che lo ha inserito in una camera con ossigeno e gli ha somministrato fluidi. La moglie è stata ricoverata in ospedale per problemi respiratori, mentre per Mark e la figlia non è stato necessario farlo. Il cane è stato molto vicino alla morte. La storia è comunque a lieto fine, visto che tutti si sono ripresi, e che Mark ha continuato ad avere la passione degli acquari.

La fonte dell’intossicazione è stata identificata ed era un aerosol di palitossina.

La cosa incredibile è che sia la prima volta (perlomeno che io sappia) che questa derivi da rocce che erano vive anni prima, e che da anni erano a secco e tenute in un garage.

Fate sempre attenzione

I casi di intossicazione sono pochi, ma ci sono, per cui fate sempre attenzione. Ed ai primi sintomi non abbiate paura di chiamare soccorsi.

Vi ricordiamo inoltre che l’utilizzo dei carboni attivi è molto molto utile per combattere la palitossina come potete leggere in questo articolo. Se poi volete approfondire l’argomento vi ricordo un articolo estremamente approfondito scritto dal Biologo Massimo Morpurgo che potete trovare qui: Palitossine e Palythoa in acquario: quali i rischi per la salute e come evitarli.

Cosa ne pensate?


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.