NEWS

Seychelles: annunciate due nuove aree marine protette


© Jean-Marie Hullot/Flickr

Le Seychelles, hanno recentemente annunciato la creazione di due nuove aree marine protette, grandi come la Gran Bretagna.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il 21 febbraio 2018 la piccola nazione insulare delle Seychelles nell’Oceano Indiano, 1.600 chilometri circa dalla costa dell’Africa orientale, ha annunciato la creazione di due nuove Aree Marine Protette che coprono 210.000 km quadrati di alcune delle aree più produttive e diversificate del suo oceano, un’area di dimensioni quasi pari alla Gran Bretagna.

Queste aree marine protette saranno essenziali nel proteggere parte della vita marina più minacciata del pianeta e sosterranno industrie della pesca e del turismo sostenibile che sono vitali per l’economia delle Seychelles.

L’accordo di debito-conservazione

Le Seychelles in quello che è stato definito uno scambio debito-per- natura, ottiene un piano di riduzione del debito di $ 20 milioni, e in cambio metterà i controlli sulla pesca e sulle industrie del turismo.

Come parte della conversione del debito, le Seychelles si sono impegnate ad aumentare la protezione marina dallo 0,04 per cento della sua Zona Economica Esclusiva al 30 percento. Queste prime designazioni, che riguardano un’area delle dimensioni della Gran Bretagna, rappresentano solo la prima metà dei  410.000 chilometri quadrati che saranno protetti entro il 2022.

 

Lo scambio di debito è stato reso possibile da finanziatori privati, tra cui il China Global Conservation Fund di The Nature Conservancy, The Jeremy e Hannelore Grantham Environmental Trust, Leonardo DiCaprio Foundation, Lyda Hill Foundation, Oak Foundation, Oceans 5, Turnbull Burnstein Family Charitable Fund e Fondazione Waitt. Collaboratori dell’iniziativa includono i governi di Belgio, Francia, Italia, Repubblica del Sud Africa, Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, Global Environment Facility e Global Island Partnership.

Vulnerabili al cambiamento climatico

L’arcipelago comprende il secondo atollo corallino più grande al mondo, dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO , che, come le Galapagos, è una finestra sui processi evolutivi in un ecosistema appena toccato dall’attività umana. Ospita l’animale più minacciato nell’Oceano Indiano occidentale, il dugongo, e 100.000 rare tartarughe giganti che si riproducono solo qui.

The Nature Conservancy ha affermato che le Seychelles sono tra le nazioni più vulnerabili ai cambiamenti climatici, a causa della loro dipendenza dalle risorse marine. Hanno affermato che le Aree Marine Protette aiuteranno la nazione a prepararsi meglio agli impatti causati dall’aumento del livello del mare, dal riscaldamento delle acque e dall’acidificazione degli oceani.

Senza queste aree protette marine, attività come ricerca di petrolio e gas, estrazione di acque profonde, dragaggio e tecniche controverse di pesca, potrebbero svolgersi in uno degli oceani più biodiversificati del pianeta, ma che hanno restrizioni o direttive limitate o nulle“, ha affermato l’organizzazione.

Conclusioni

Questo risultato è il giusto epilogo di quattro anni di straordinaria consultazione e impegno da parte del governo con esperti del settore, imprese, leader locali e scienziati. Questo è un ottimo esempio di come la The Nature Conservancy  può utilizzare la scienza e i finanziamenti per sostenere le economie blu e proteggere gli habitat marini ad alta priorità nell’Oceano Indiano occidentale.


Rispondi