NEWS

Maxspect e la nuovissima pompa Turbine Duo DC Pump – anteprima


Maxspect Turbine DuoDiciamolo chiaramente… il segmento delle pompe di risalita non è che abbia negli ultimi anni fatto parlare di sé per novità eclatanti o progetti innovativi.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

E’ ormai qualche anno che la quasi totalità delle aziende ha virato decisamente sull’utilizzo di pompe in corrente continua (DC) per i vantaggi che queste hanno portato rispetto ai precedenti modelli in corrente alternata (AC), in termini di flessibilità (incremento step by step delle potenze) e della sicurezza.

Le ultime aziende in ordine cronologico a far parlare di sé sono state Ecotech Marine (con la Vectra S1, il modello più piccolo della sua ormai nota linea di pompe), e la italianissima Sicce, ora impegnata nella joint venture con Seachem (che ha presentato da poco la sua nuova pompa Syncra SDC, ne abbiamo parlato in questo articolo).

Ecco quindi che la notizia di una nuova pompa di risalita commercializzata da Maxspect non poteva lasciarci indifferenti, soprattutto pensando al modo di intendere il mercato tipico di questa azienda, che più di una volta nel corso degli anni si è mostrata aperta alla sperimentazione e all’innovazione. Non possiamo non ricordare che Maxspect è stata la prima ad ufficializzare e commercializzare il brevetto delle pompe di movimento a funzionamento assiale, con la conosciutissima ed apprezzata Gyre, così come si è fatta portatrice di una novità assoluta nel campo dell’illuminazione, con una plafoniera LED in grado di variare l’angolo di incidenza delle proprie sorgenti per adattare il fascio luminoso alle caratteristiche della vasca (ampiezza piuttosto che profondità).

Tutte scommesse che Maxspect ha saputo giocare coraggiosamente in un mercato che di innovazione ha sempre fame, e che ha decisamente vinto visti anche i risultati di vendita.

Come sempre noi di DaniReef siamo molto curiosi e non abbiamo tardato a contattare l’azienda per farci dare qualche indicazione in aggiunta a quello che è già presente sul sito.

La risposta da parte della Maxspect è arrivata puntuale e con la massima disponibilità.

La confezione della Maxspect Turbine Duo (mercato americano). Photo courtesy of Maxspect.

La confezione della Maxspect Turbine Duo (mercato americano). Photo courtesy of Maxspect

La pompa Maxspect Turbine Duo DC Pump svelata

Ecco quindi che siamo qui a raccontarvi della nuovissima Maxspect Turbine Duo DC Pump.

La presentazione ufficiale è avvenuta in occasione del MACNA 2017 svoltosi a New Orleans in Louisiana (USA) dal 24 al 27 nel mese di agosto.

La potete ammirare nella foto qui sotto.

Particolare la colorazione del corpo pompa, in un blu acceso su una plastica trasparente ma leggermente opacizzata, con gli inserti neri delle griglie, della base e dei cablaggi.  La Turbine Duo prende il suo nome dalle due giranti poste una a fianco all’altra che garantiscono un doppio flusso in uscita. Un unico motore centrale fornisce il moto alle due giranti (turbine) che sono calettate in posizione laterale rispetto allo stesso. Il flusso viene quindi convogliato in uscita da due punti separati e indipendenti, sebbene si trovino sulla stessa presa di moto.

Questo è in definitiva l’elemento di rottura rispetto a tutte le pompe presenti sul mercato. Sembrerebbe cosa di poco conto, ma così non è. Questa configurazione infatti è solo una delle tante che possono essere rapidamente messe a punto su questa pompa, e che rendono questo prodotto uno dei più, se non il più versatile del suo genere.

La pompa Maxspect Turbine Duo nella sua vivace colorazione blu elettrico. Photo courtesy of Maxspect.

La pompa Maxspect Turbine Duo nella sua vivace colorazione blu elettrico. Photo courtesy of Maxspect.

Flessibilità ai massimi livelli

Provate a pensare a una applicazione che vi potrebbe essere utile nel vostro sistema… questa pompa la rende possibile (naturalmente con i suoi limiti, che pur esistono).

Già in questa configurazione la pompa risulta assolutamente interessante. Quante volte infatti ci siamo posti il problema di come alimentare il nostro filtro a letto fluido, il nostro reattore di calcio o il refrigeratore? Quanti di noi per alimentare un reattore di biopellets si sono dovuti adattare con derivazioni e tubazioni a volte fantasiose per utilizzare la sola pompa di risalita, per non dover per forza acquistare una seconda pompa?

Questo piccolo oggetto risolve il problema mettendo a disposizione di default una seconda uscita che potremo utilizzare come più ci piace.

Quanti di voi poi avranno nel tempo sentito la necessità di utilizzare una seconda mandata per portare acqua in vasca, così da avere due punti di immissione distanti e perché no, utilizzarli anche per dare movimento aggiuntivo… beh con la Maxspect Turbine Duo il gioco è presto fatto!

Insomma già questo basterebbe a farci prendere in considerazione per l’acquisto questo prodotto.

Cosa pensereste poi se vi dicessi che è possibile unire i due flussi in uno unico e più potente semplicemente montando un convogliatore a Y già in dotazione?

E non credete possa essere utile per qualcuno utilizzare una sola delle giranti, diminuendo il flusso ma riducendo al contempo anche i consumi? Con questa pompa potete farlo senza modificare nulla, solo montando alcuni componenti già presenti nella dotazione iniziale.

Insomma la Maxspect Turbine Duo è un manifesto alla flessibilità, un concentrato di tecnologia che traduce in realtà una idea intelligente e coraggiosa.

Una dotazione completissima

Tutto quello di cui abbiamo bisogno è fornito in bundle con il prodotto. Una serie davvero completa di raccordi, innesti e griglie da smontare e rimontare per adattarla al meglio al nostro impianto.

 

L'impressionante set di accessori in dotazione permette una configurazione pressoché totale. Photo courtesy of Maxspect.

L’impressionante set di accessori in dotazione permette una configurazione pressoché totale. Photo courtesy of Maxspect

Nella confezione troviamo inoltre il controller anch’esso di colore nero. Non abbiamo ancora avuto modo di vederlo in funzione, ma a prima vista sembrerebbe abbastanza contenuto nelle dimensioni e pulito nella forma estetica. Sembrerebbe assicurata la compatibilità con IPV6 per il controllo wireless e la possibilità di operare in simbiosi con gli altri prodotti Maxspect come le pompe di movimento Gyre e le plafoniere Recurve ed Ethereal.

Il packaging

All’apertura della confezione troviamo la pompa nel suo alloggiamento posto in basso a destra. Allineati e ognuno nel suo compartimento poi ci sono tutti gli altri accessori. Ogni cosa è al suo posto e già all’apertura si ha la sensazione di trovarsi di fronte a un prodotto molto curato.

Il packaging della Maxspect Turbine Duo DC Pump è molto curato e ogni cosa è al suo posto. Photo courtesy of Maxspect.

Il packaging della Maxspect Turbine Duo DC Pump è molto curato e ogni cosa è al suo posto. Photo courtesy of Maxspect

Qui sotto potete vedere il contenuto standard del packaging, con il piccolo manuale di istruzioni, la pompa stessa, alimentatore 24Volts e controller. Sulla destra le due griglie di protezione dei condotti di aspirazione, i vari sacchetti con le raccorderie ed infine l’accessorio di chiusura per configurare la pompa in “single outlet”. Quest’ultimo, permette di chiudere un lato del corpo pompa per utilizzare una sola uscita. In questa modalità la pompa avrà un flusso ridotto ma riuscirà a limitare sensibilmente i consumi.

Ancora un dettaglio degli accessori in dotazione. In evidenza il controller wireless sulla destra. Photo courtesy of Maxspect.

Ancora un dettaglio degli accessori in dotazione. In evidenza il controller wireless sulla destra. Photo courtesy of Maxspect

I due outlet possono essere ruotati sui 270° per direzionare la tubazione di uscita nel modo che più ci piace.

Nella foto successiva potete vedere alcune interessanti configurazioni.

Configurazione Duo Outlet, Combined Outlet e Single Outlet nelle varie posizioni. Photo courtesy of Maxspect.

Configurazione Duo Outlet, Combined Outlet e Single Outlet nelle varie posizioni. Photo courtesy of Maxspect

Specifiche tecniche, modalità di funzionamento e conclusioni a pagina due


Rispondi