PESCI

Non tutti gli acanturidi sono ugualmente bravi a mangiare le alghe


Acanthurus nigrofuscus in Mar Rosso

Acanthurus nigrofuscus in Mar Rosso

Stiamo parlando di uno dei concetti che ripetiamo spesso. Non tutti i pesci sono uguali. Ma oggi c’è uno studio che ci dice che alcuni pesci sono più diversi degli altri.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Sappiamo tutti che ci sono pesci chirurgo, o acanturidi, che sono maggiormente portati a mangiare le alghe in acquario. Ma è un concetto che è sempre stato espresso sulla base dell’esperienza di ciascuno di noi, o dei negozianti. Oggi questo concetto ha un fondamento scientifico.

Lo studio – il Ctenochaetus striatus e l’Acanthurus nigrofuscus

Alcuni ricercatori, Sterling B. Tebbett, Christopher H. R. Goatley e David R. Bellwood, hanno pubblicato su Coral Reefs uno studio estremamente interessante. Hanno infatti messo confronto due pesci dalla livrea molto simile, l’Acanthurus nigrofuscus ed i Ctenochaetus striatus. Due fra gli acanturidi maggiormente presenti nell’area del Mar Rosso e dell’Indo-Pacifico.

Per capirlo sono stati messi dei tappeti erbosi naturali all’interno di acquari, con i pesci in questione. Si è potuto apprezzare come le alghe non siano diminuite affatto dove era presente lo Ctenochaetus striatus mentre dove era presente l’Acanthurus nigrofuscus le alghe si erano ridotte in lunghezza del 51% ed erano completamente sparite nel 15% dell’area dopo solo un’ora.

Ctenochaetus striatus in the Red Sea. Photo by Derek Keats (c.c.)

Ctenochaetus striatus in the Red Sea. Photo by Derek Keats (c.c.)

Lo studio è proseguito cercando di capire cosa mangiassero i due pesci. Nel caso dell’Acanthurus nigrofuscus si tratta nel 79,6-94,7% dei casi di alghe, mentre nel caso di Ctenochaetus striatus si tratta principalmente di detriti e sedimento nel 99,6-100% dei casi.

Sarebbe interessante sapere se i ricercatori abbiano confuso il sedimento con le diatomee, come ci fa notare Leonard Ho di Advanced Aquarist. Dato che è risaputo che gli Ctenochaetus sono famosi proprio per mangiare anche e soprattutto diatomee.

A questo punto, vista anche l’evidenza scientifica, si potrebbe pensare di non lasciare mai un acquario, di dimensioni adeguate, senza uno Ctenochaetus che ci tenga d’occhio le sempre più invadenti diatomee.

Branco di Acanthurus nigrofuscus in Mar Rosso

Branco di Acanthurus nigrofuscus in Mar Rosso

Fonte: “Clarifying functional roles: algal removal by the surgeonfishes Ctenochaetus striatus and Acanthurus nigrofuscus” su Coral Reefs.


2 commenti on Non tutti gli acanturidi sono ugualmente bravi a mangiare le alghe

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.