NEWS

The Orange Scapers: il progetto Equo rivolto all’aquascaping


Cominciamo con l’acquario per utenti evoluti di Roberto Bielli, uno dei due acquari che sarà in mostra alla fiera di Norimberga,

Qui vediamo l’hardscape nel momento del suo concepimento.

Shallow-HardSkape

 

ed a seguire l’incredibile metamorfosi dopo soli 90 giorni

shallow_90-01logo

Oserei dire fantastico se poi pensiamo che non è neanche un allestimento complesso visto che è indicato per “soli” utenti evoluti… bhè, il risultato è, a mio parere di profano, straordinario. Come al solito seguendo questo link potrete seguire tutte le fasi di sviluppo dell’aquascaping: Roberto Bielli presenta la shallow tank.

L’acquario per utenti evoluti di Enrico Fortuna invece verrà utilizzato per una gara internazionale, quindi possiamo solo farvi vedere una semplice fotografia:

enrico fortuna

Ma non vediamo l’ora di poterlo vedere finito.

Passiamo ora alla linea super esperti cominciando questa volta da Enrico Fortuna, con l’acquario che si potrà ammirare all’Interzoo, dapprima vi proponiamo l’hardscape

Enrico-Fortuna-hardscape-01

e l’allestimento dopo 90 giorni di sviluppo

Enrico-Fortuna-90-giorni-01

Anche qui la metamorfosi è incredibile, sembrano delle colline… qui: Enrico Fortuna e l’acquario per utenti superesperti potete seguire l’evolversi dell’allestimento.

Infine arriviamo all’aquascaping per utenti super esperti di Roberto Bielli, partendo come al solito dal nudo hardscape

Profess-hard01log

per arrivare ad un’altra magnifica visione dopo 60 giorni dalla partenza.

Professionale60_01LOGO

E da questo link Roberto Bielli e l’aquascaping per utenti super esperti potrete apprezzare il cambiamento dell’acquario nel corso del tempo.

Che altro aggiungere, a noi il progetto The Orange Scapers è piaciuto molto perché ci ha dato modo di contestualizzare sei bellissimi acquari, suddivisi per fascia di difficoltà, di modo che ognuno di noi potrebbe sapere prima quali siano le proprie possibilità di arrivare a risultati simili. Io dovrei partire senza dubbio dalla linea per neofiti, ma temo che anche seguendo i consigli di Enrico e Roberto non arriverei mai al loro livello, però potrei sfidarli ad allestire un acquario di Acropore, quello mi viene decisamente meglio.

Ovviamente anche il fatto di poter testare nel lungo periodo le diverse linee di fertilizzazione potendone apprezzare le variazioni può essere utile agli acquariofili ed infondere loro la fiducia che questi protocolli funzionino veramente visti i risultati conseguiti.

Non ci resta che partire per andare a vedere dal vivo questi gioielli.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.