REPORTAGE

PetsFestival 2015 a Piacenza Expo: Editoriale


2015_10 petsfestival 01

Sabato 17 e domenica 18 ottobre si è tenuto per il terzo anno consecutivo il PetsFestival presso il complesso fieristico Piacenza Expo. Vediamo come è andata nel nostro consueto editoriale.

Iquitos - mangimi tropicali - Colombo

Il PetsFestival ha una lunga striscia positiva di presenze, sempre in crescita, dalle 23.000 del primo anno, alle 30.000 persone del secondo anno, come è andata quest’anno? Prima di parlare dei numeri concentriamoci su cosa sia e cosa rappresenti il PetsFestival nel panorama italiano.

Il PetsFestival nasce da una intuizione di Marco Rosetti e Gian Domenico Palieri, che hanno creato una manifestazione in cui inserire centralmente gli animali e sviluppatasi attorno al trittico acquari-cani-gatti, in ordine di importanza e di persone relative almeno nei primi anni, soprattutto grazie alla collaborazione con AcquaPortal.

Oggi il concetto della manifestazione si è evoluto, e si sono aggiunti in importanza anche piccoli animali, rettili, anfibi, uccelli, cavalli, falconeria e chi più ne ha più ne metta. Una kermesse davvero completa che ha attirato appassionati e semplici curiosi. Dal punto di vista acquariofilo, che per chi legge queste pagine ha sicuramente una rilevanza maggiore, la maggior parte degli appassionati acquariofili si è vista la mattina del sabato per poter scegliere i coralli migliori in vendita. Lasciando la domenica a chi non ha potuto partecipare al sabato, ma tendenzialmente, anche parlando con gli stand il grosso del pubblico interessato si è presentato sicuramente il sabato dove si vedeva molto più interesse fra le corsie dedicate agli acquari che non quelle dedicate ad esempio a cani e gatti. Gap che si è invertito la domenica, soprattutto la domenica pomeriggio.

2015_10 petsfestival reefline hobby acquari 03

E si perché quest’anno, a differenza di tutte le altre edizioni sono stato in fiera dall’apertura del sabato alla chiusura della domenica. Lo stesso tempo che dedico normalmente all’Interzoo di Norimberga, e non è stato davvero tempo perso, ed i tanti articoli che vi presenterò nei prossimi giorni lo testimonieranno.

Parliamo ora dei numeri per farvi meglio inquadrare l’importanza di questa manifestazione. L’organizzazione ha dichiarato circa 35.000 visitatori nei due giorni, un numero elevatissimo di presenza, ancora un successo di pubblico mai visto in Italia, una crescita di circa il 17% dai dati dello scorso anno. Data la mia permanenza in fiera nei due giorni sono, per la prima volta, in accordo sui numeri forniti. Intendiamoci non so e non posso sapere se siano 34.000, 35.000 o 32.000 ma a sentimento a me sono parsi molti di più di quelli dello scorso anno. Parlando con gli espositori c’è stato chi ha concordato con me così come chi non era d’accordo, ma penso che questo sia normale in una manifestazione di questo tipo. Quello che è parso chiaro agli espositori, a quasi tutti per lo meno, è stata la competenza dei visitatori, soprattutto al sabato come abbiamo detto, e le ottime vendite fatte. Certo non come lo stand all’ingresso che vendeva generi alimentari tipici… ecco… quello ha davvero straguadagnato!

2015_10 petsfestival rio delle amazzoni 01

Non si possono quindi non fare i complimenti a Marco Rosetti, ed a tutta l’organizzazione per quello che abbiamo visto..

Certo diversificare la tipologia di animali si è dimostrato ancora una volta vincente, perché ha permesso di mettere d’accordo tutta la famiglia, e tutto sotto il motto “Insegna ad un bambino a prendersi cura di un animale e avrai piantato il seme per una migliore umanità…“. Una cosa curiosa, girando per gli stand era quella di vedere che nella zona acquario la maggior parte dei visitatori erano uomini, nel settore dedicato ai gatti soprattutto donne, e nella parte dei cani in assoluta parità.

Se ci fossero stati solo coralli (tantissimi) e pesci (in verità pochi) in mostra probabilmente parte del nucleo famigliare dell’acquariofilo avrebbe magari preferito rimanere a casa evitando anche la visita a chi ne era interessato, ma visto come è andata possiamo dire che questo non è fortunatamente successo e quindi possiamo annoverarlo come un punto vincente per quello che riguarda le presenze delle persone alla fiera.

Noi però parleremo quasi esclusivamente della parte relativa all’acquariofilia, cercando di analizzare le dinamiche della manifestazione, le novità, e facendovi vedere le nostre migliori fotografie, per permettere a chi non fosse potuto venire di farsi una idea di quello che c’era da vedere e per far ricordare a chi invece era presente la manifestazione stessa.

2015_10 petsfestival ec acquari 05


4 commenti on PetsFestival 2015 a Piacenza Expo: Editoriale

  1. Lorenzo damico

    Tutto come hai descritto.. Peccato solo uscire e nel parcheggio, nella fila direttamente davanti all’ingresso trovare la macchina scassinata e non trovare nelle persone preposte alla sicurezza nessun aiuto. Né tantomeno nelle forze dell’ordine. Quindi bello bello ma con un sottofondo amaro. Grazie

  2. Ivano

    Grazie mille , ti avevamo detto , noi dello staff di AP, di fotografarci e farci alti, snelli, belli e per alcuni anche con i capelli ma non ci sei riuscito, PECCATO ahahahahaha Ciao

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.