ARTICOLI

Refrigeratore Teco Tank TK 150: piccolo ma incredibile – Recensione


Il Rumore

Uno dei problemi che affligge maggiormente noi acquariofili è sicuramente quello del rumore, ed il refrigeratore è sicuramente un accessorio poco silenzioso per definizione. A parte chi possa permettersi il lusso di installare il refrigeratore all’esterno della sua abitazione, magari sul terrazzo, oppure chi possa avere la parte tecnica dell’acquario in una stanza dedicata (fra cui ricordo il bel progetto dell’amico Lumaz) ecco che il rumore diventa una caratteristica importante da prendere in considerazione.

Nel mio acquario il refrigeratore è stato installato all’interno del mobile dell’acquario.

2014 07 refrigeratore teco tank tk 150 by danireef 02

Per misurare il rumore generato ho misurato con il fonometro, un VOLTCRAFT 320, fonometro digitale IEC 651 di Tipo II che agli effetti della misurazione in oggetto è sufficientemente attendibile, i seguenti valori. Data la natura del rumore da misurare tutte le misurazioni sono state eseguite con la curva di attenuazione dBA. Le misurazioni, condotte con finestre chiuse, fonometro su cavalletto ad 1 metro di distanza, con un intervallo minimo di misura di 120 secondi, hanno dato i seguenti risultati:

2015 09 misurazioni rumore refrigeratore teco tank tk 150 by DaniReef 04Rumore ambientale con schiumatoio spento

Acquario acceso, refrigeratore spento, sportelli chiusi

Acquario acceso, refrigeratore acceso, sportelli chiusi

Acquario acceso, refrigeratore acceso, sportelli aperti

Vediamo la comparazione con gli altri refrigeratori testati in passato:

Condizioni di Misurazione  Teco TK 150 Teco TK 500 Teco TR15 Aquamedic Titan 250
Acquario in funzione 40,4 dB 46 dB 41,5 dB 48,7 dB
Acquario in funzione con refrigeratore acceso  42,4 dB 51,6 dB 53,8 dB 52,1 dB
Rilevazione rumore ambientale  38,9 dB 40,4 dB 35,0 dB 35,8 dB

Gli acquari dove sono state fatte le misurazioni sono diversi, ma quello che salta all’occhio è che il TK 150 è risultato essere il refrigeratore più silenzioso ancorché montato sull’acquario più silenzioso dei quattro. E la differenza è molto rilevante, tanto da rischiare di essere inudibile.

Infatti il Teco Tk 150 ha mostrato un + 2dB fra refrigeratore acceso e spento, contro i 5,6 del fratellone TK 500, i 12,3 del vecchio TR15 ed i soli 3,4 del Titan 250.

La cosa non è giunta inaspettata vista la differenza di potenza fra i primi tre refrigeratori, ma siamo davanti ad un refrigeratore praticamente inudibile, tanto che spesso durante il suo utilizzo mi sono dovuto avvicinare all’acquario ed aprire l’anta per capire se fosse acceso o meno.

Ovviamente dovete tenere in considerazione che i valori rilevati sono propri dell’ambiente in cui si sono svolte le prove, e quindi in altre situazioni al contorno il rumore misurato potrebbe essere molto diverso, dovuto a maggiori o minori rinforzi alle varie frequenze.

I consumi elettrici

La scelta di un refrigeratore passa anche per la valutazione dei suoi consumi. Noi acquariofili infatti ben sappiamo come i consumi elettrici del nostro acquario incidano sulla bolletta elettrica, quindi nel momento in cui andremo ad inserire un qualsiasi oggetto nel nostro layout dovremo prendere in dovuta considerazione questa importante caratteristica.

Teco fornisce per il suo TK 150 un consumo in raffreddamento pari a 150 watt, davvero pochi, anzi pochissimi, sia in valore assoluto che in valore relativo, e quindi anche il consumo non sarà particolarmente alto.

2014 07 refrigeratore teco tank tk 150 by danireef

Normalmente possiamo inoltre dire che il consumo di energia dovuto dal refrigeratore sia in genere molto inferiore di quello che potremmo aspettarci. Anche se 150 watt da ammortizzare sono davvero pochi, anche se considerassimo i periodi di caldo intenso il refrigeratore potrebbe rimanere acceso anche 8 ore al giorno (circa 32 centesimi al giorno in queste condizioni).

Importante: la velocità dell’acqua nel refrigeratore e la scelta della pompa di alimentazione

La velocità dell’acqua all’interno del refrigeratore è un dato importantissimo. Normalmente si è portati a pensare che la velocità dell’acqua non sia “particolarmente” importante, perché si pensa che se l’acqua transitasse velocemente essa verrebbe raffreddata poco ma ne transiterebbe una alta quantità, il che si pensa che sarebbe perfettamente equivalente a far transitare una quantità di acqua minore, in questo modo ne transiterebbe un volume inferiore ma sarebbe mediamente più fredda in uscita.

Questo ragionamento però, quando si parla di refrigeratori, di qualunque marca essi siano, è semplicemente sbagliato.

Sicce Syncra Silent 1.5

Nel ragionamento appena enunciato infatti non si tiene conto dell’efficienza del refrigeratore che è molto maggiore al crescere della temperatura. Ovvero man mano che l’acqua entra nell’unità questa viene raffreddata, ma se passasse lentamente il refrigeratore la raffredderebbe molto, per poi trovarsi a far fatica a raffreddarla ulteriormente, mentre un passaggio veloce consentirebbe all’acqua di rimanere più calda e quindi di massimizzare l’intervento del refrigeratore stesso.

Quindi più è veloce il transito dell’acqua, ovvero più è potente la pompa, maggiore sarà la resa del refrigeratore e quindi l’acquario si raffredderà più velocemente, e la differenza, credetemi, non è piccola, ma si arriva anche al doppio dell’efficienza complessiva.

Teco raccomanda l’utilizzo di una pompa che garantisca una portata effettiva di almeno 400 litri ora, ma viste le considerazioni appena fatte si potrebbe anche raddoppiare il valore ottenendo nel complesso solo benefici. Io nel mio acquario ho utilizzato la Sicce Syncra 1.5 da 1.350 l/h (qui la nostra recensione della pompa) ed un consumo di 23 watt (circa 0,15 euro al giorno di consumo).

2014_06_interzoo_norimberga_2014_teco_011

Raccomando a tutti coloro che avessero la fortuna di poter installare il refrigeratore fuori casa, di misurare la portata reale di ritorno in sump, perché la distanza e le curve necessarie a collegare acquario e refrigeratore abbassano notevolmente la portata, soprattutto in presenza di tubi corrugati e non lisci, inoltre consiglio vivamente di proteggerlo dalle intemperie e dal sole diretto che finirebbe inevitabilmente per penalizzarne le prestazioni ed anche in qualche caso a rovinare l’unità stessa, tanto che la Teco stessa lo identifica come refrigeratore da interno.

Final Thoughts

Il refrigeratore è costruito in maniera impeccabile, e l'impostazione Teco Body - Condenser System, ovvero il fatto che la parte strutturale è anche la parte refrigerata ci è piaciuta tantissimo anche per l'eliminazione praticamente totale della manutenzione

Overall Score 4